FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, la Sea Watch verso Lampedusa: è in acque italiane

Lʼong: "Si è deciso di chiedere la revoca del divieto dʼingresso per ragioni umanitarie. Alcune persone a bordo parlano di suicidio". Salvini: "I nostri porti restano chiusi"

La Sea Watch 3 è entrata in acque italiane. Dopo l'annuncio del comandante di voler raggiungere Lampedusa per "ragioni umanitarie", la nave della ong tedesca - stando ai tracciati radar e a quanto confermano dalla stessa organizzazione umanitaria - ha violato la diffida della guardia di finanza, passando il limite delle acque territoriali delle 12 miglia e sta facendo rotta verso l'isola. Ma Salvini replica: "I nostri porti restano chiusi".

La portavoce italiana della ong Giorgia Linardi, ha sottolineato che la nave è "in costante contatto con la guardia costiera". "Alcune persone a bordo - dicono dalla ong - parlano di suicidio".

Mercoledì la nave aveva soccorso 65 migranti (tra cui 8 minori non accompagnati, 5 bambini e 2 neonati) su un gommone a 30 miglia dalle coste libiche: venerdì 18 profughi (le famiglie e una donna ferita) sono stati sbarcati, altri 47 restano ancora a bordo. Nelle ultime ore la nave era rimasta posizionata in acque internazionali, ai margini di quelle italiane: ora la decisione di fare rotta verso Lampedusa per ragioni umanitarie.

Salvini: "Che fine farà la Sea Watch? Non in Italia" - Che fine farà la Sea Watch? "Non in Italia. Abbiamo soccorso neonati, ustionati e malati, ma non è in Italia". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, precisando che "abbiamo fatto sbarcare malati e bambini, ma resta il divieto assoluto di entrare nelle nostre acque territoriali. Non cambiamo idea: porti chiusi per chi non rispetta le leggi, mette in pericolo delle vite, minaccia. Una ong, peraltro straniera, non può decidere chi entra in Italia".

La diffida del Viminale - Il ministero dell'Interno ha diffidato la Sea Watch 3 a entrare nelle acque italiane, non cambia idea e non autorizza lo sbarco. Lo riferiscono fonti del Viminale dopo che la nave della ong tedesca ha annunciato di essere entrata in acque italiane e di dirigersi verso Lampedusa. "Se qualcuno non e' d`accordo si prenda la responsabilità pubblica di dirlo e di autorizzarlo. Li consideriamo complici dei trafficanti: abbiamo buoni motivi per pensarlo e per dirlo", proseguono le fonti del Viminale ricordando che ha considerato la Sea Watch3 "non inoffensiva" a norme di quelle stesse convenzioni internazionali che vengono spesso invocate, anche a sproposito.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali