FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Mafia, operazione della Dia in Sicilia: 32 persone sono state arrestate | In manette anche un capo ultrà Juve

Il blitz dellʼantimafia è stato effettuato nelle province di Agrigento, Palermo, Catania, Ragusa, ma anche a Vibo Valentia e Parma. Lʼassociazione era dedita al traffico e allo spaccio di droga

La Direzione investigativa antimafia ha eseguito 32 arresti ad Agrigento, Palermo, Trapani, Catania, Ragusa, Vibo Valentia e Parma. L'ordinanza è stata emessa dalla Dda di Palermo, nei confronti di 32 persone accusate, tra l'altro, di associazione mafiosa, associazione per delinquere dedita al traffico e allo spaccio di droga, detenzione abusiva di armi, sequestro di persona a scopo di estorsione aggravato e danneggiamento.

L'operazione denominata Kerkent ha permesso di disarticolare un'associazione per delinquere con base operativa ad Agrigento e ramificazioni, in particolare, nel Palermitano e in Calabria, dedita all'organizzazione sia degli aspetti operativi sia di quelli logistici di un'intensa attività di traffico di sostanze stupefacenti, attraverso uno strutturato gruppo criminale armato.

Arrestato anche capo ultrà della Juventus - Tra gli arrestati c'è anche un capo ultrà della Juventus: si tratta, secondo quanto si apprende, di Andrea Puntorno, uno dei leader del gruppo "Bravi ragazzi", che giù in passato ha avuto problemi con la giustizia. Secondo gli investigatori e gli inquirenti Puntorno era in rapporti con il boss di Agrigento, finito anche lui agli arresti. Le accuse nei confronti dell'ultrà sarebbero connesse al traffico di droga. A Puntorno gli inquirenti contestano il concorso esterno in associazione mafiosa: secondo le indagini era una sorta di broker della droga e sarebbe stato lui a mettere in contatto il presunto boss di Agrigento con le 'ndrine calabresi alle quali l'organizzazione si rivolgeva per l'acquisto di droga.

L'ultrà della Juve ed ex leader del gruppo "Bravi Ragazzi" era tornato da circa un anno ad Agrigento, dopo la condanna seguita all'arresto del 2014 per questioni di droga e bagarinaggio, e si trovava in regime di sorveglianza speciale.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali