FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mafia, arrestato il fratello della vedova Schifani: il marito della donna morì nella strage di Capaci

Giuseppe Costa è accusato di associazione mafiosa: avrebbe riscosso il pizzo per il clan dellʼArenella e si sarebbe occupato dellʼassistenza ai parenti dei carcerati

Tra gli arrestati dalla Dia di Palermo nell'inchiesta che ha portato in carcere il boss Gaetano Scotto c'è anche Giuseppe Costa, il fratello della vedova di Vito Schifani, uno dei tre poliziotti morti nella strage di Capaci con il magistrato Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo, il 23 maggio 1992. Lo confermano gli inquirenti. Costa avrebbe riscosso il pizzo per il clan dell'Arenella. 

L'urlo di Rosaria Costa ai funerali di Falcone Il giorno dei funerali delle vittime della strage di Capaci, dall'altare Maria Rosaria Costa si rivolse direttamente ai mafiosi: "Vi perdono - urlò in chiesa tra le lacrime - però vi dovete mettere in ginocchio". Con quelle parole, pronunciate nella disperazione, divenne l'emblema del dolore di tutto il Paese.

 

Le accuse contro il fratello Giuseppe Costa è accusato di associazione mafiosa: oltre a riscuotere il pizzo per il clan dell'Arenella, si sarebbe occupato dell'assistenza ai parenti dei carcerati e avrebbe gestito la cassa della famiglia di Vergine Maria. Gli inquirenti lo descrivono come pienamente inserito nelle dinamiche mafiose della "famiglia", tanto che, alla scarcerazione del boss della zona, Gaetano Scotto, per rispetto al padrino avrebbe invitato le sue vittime a dare il denaro direttamente a lui.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali