FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il giudice Livatino è stato proclamato beato: festa il 29 ottobre

Il cardinale Semeraro: "E' morto perdonando i suoi uccisori, come Gesù"

"Accogliendo il desiderio del cardinale Montenegro, concediamo che il venerabile servo di dio Angelo Rosario Livatino d'ora in poi sia chiamato beato e che, ogni anno, si possa celebrare la sua festa il 29 ottobre". E' con queste parole che il giudice Livatino è stato proclamato beato nel corso di una cerimonia solenne celebrata nella cattedrale di Agrigento. "Il giudice Livatino è morto perdonando come Gesù i suoi uccisori", ha detto il cardinale Marcello Semeraro, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, nell'omelia della messa.

"Ecco il valore autentico delle sue ultime parole, dove risentiamo l'eco del lamento di Dio: 'Popolo mio, che cosa ti ho fatto?' E' il pianto del giusto", ha aggiunto nella sua omelia il cardinale Semeraro.

 

Il giudice Livatino è stato proclamato beato: festa il 29 ottobre


 

 

"Talvolta essere cristiani diventa qualcosa di scomodo, di schernito, di rischioso, di pericoloso. E' questa l'ottica nella quale possiamo guardare al martire Rosario Livatino. Nell'amore di Cristo si è collocato come un bambino svezzato in braccio a sua madre", ha concluso.

 

 

In contemporanea alla beatificazione di Livatino il reliquario dove è contenuta la camicia indossata dal beato il giorno in cui venne ucciso dalla mafia è stato collocato in una teca della cattedrale. Si tratta di un reliquiario realizzato in argento martellato e cesellato. 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali