FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Denise Pipitone, la mamma: "Adesso basta, chi sa parli"

Piera Maggio: "La mia piccola merita verità e giustizia" 

Caso Denise, ispezione alla ricerca di una stanza segreta

"In questa città c'è chi ha visto e sa come è scomparsa Denise ed è a queste persone che mi rivolgo: adesso basta, fatevi coraggio è l'ora di parlare, non potete tenervi sulla coscienza questo peso". E' l'accorato appello lanciato da Piera Maggio, mamma della bambina di cui si sono perse le tracce il primo settembre 2004, a Mazara del Vallo (Trapani). "Denise è figlia di questa città - aggiunge -. La mia piccola merita verità e giustizia".

"Apprendere in tv che cercavano i resti di Denise nell'ex casa di Anna Corona mi ha fatto molto male - racconta ancora Piera Maggio -. E' stato un colpo inaspettato". Eppure Procura e carabinieri ufficialmente avevano indicato l'ispezione "per verificare lo stato dei luoghi e se sono stati effettuati lavori edili all'interno".

 

"Finché non saprò la verità su mia figlia non mi fermerò di lottare  - dice ancora la donna -. Chi sa parli ora. Questi 17 anni sono stati un tempo lunghissimo che abbiamo vissuto con Piero sperando di poter riabbracciare Denise e, dall'altro lato, vivendo i processi in cui abbiamo scoperto cose clamorose che oggi, grazie ai media, sono diventate di dominio pubblico".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali