FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, Lamorgese denuncia il sindaco di Messina: parole offensive

Negli ultimi giorni il primo cittadino Cateno De Luca aveva mandato a quel paese il Viminale

I comportamenti tenuti dal sindaco di Messina, Cateno De Luca, "sono stati segnalati all'autorità giudiziaria perché censurabili sotto il profilo della violazione dell'articolo 290 del codice penale (Vilipendio delle Istituzioni)". Lo rende noto il Viminale, precisando che "la decisione è stata assunta dal ministro Luciana Lamorgese a seguito delle parole gravemente offensive e lesive dell'immagine per l'intera istituzione che lei rappresenta". 

"Proprio in una fase emergenziale in cui dovrebbe prevalere il senso di solidarietà e lo spirito di leale collaborazione, le insistenti espressioni di offesa e di disprezzo (nei giorni scorsi il sindaco aveva detto: "Vaff... Viminale", ndr), ripetute - si legge in  una nota - per giorni davanti ai media da parte del primo cittadino di Messina all'indirizzo del ministero dell'Interno, appaiono inaccettabili, e quindi censurabili sotto il profilo penale, per il rispetto che è dovuto da tutti i cittadini - e a maggior ragione da chi riveste una funzione pubblica anche indossando la fascia tricolore - alle istituzioni repubblicane e ai suoi rappresentanti".

 

Coronavirus, siciliani bloccati in Calabria: le foto

 

Sindaco di Messina: "Vogliono la mia testa" "Lo Stato vuole la testa del sindaco De Luca! Sono stato denunciato per aver scoperchiato le vergogne di Stato!". Lo scrive su Facebook il sindaco di Messina dopo essere stato denunciato. "Signor ministro, io la denuncia me la prendo perché mi darà modo di difendermi nelle sedi opportune", aggiunge in un video. "Le prove ci sono - aggiunge il sindaco - perché il 23 marzo sullo Stretto le forze dell'ordine hanno denunciato 10 persone su tre auto non in regola dopo che erano stati fatti i presunti controlli a Villa San Giovanni prima dell'imbarco. Se è un avvertimento per il sottoscritto - sostiene - guardi ne prendo atto, ma vado avanti. Non mi fermo, perché non è  pensabile che chi sta sopra le nostre teste possa continuare a dileggiare i Comuni, i sindaci e la popolazione. Nel comunicato stampa che lei ha fatto il 23 marzo sera ha dichiarato il falso, e mi assumo la responsabilità anche di questo, dicendo che nello Stretto di Messina era tutto a posto, con 10 denunce e la fila di auto dalla mattina a Villa San Giovanni".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali