FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Agrigento, coppia si separa: il giudice dispone lʼaffido condiviso del cane

Gli ex coniugi si occuperanno del cucciolo a settimane alterne e dovranno dividere le spese per le cure e il mantenimento dellʼanimale

Agrigento, coppia si separa: il giudice dispone l'affido condiviso del cane

Ex marito ed ex moglie si dovranno occupare del loro cane a settimane alterne, dividendo le spese per le cure e il mantenimento dell'animale. Lo ha deciso il tribunale di Sciacca (Agrigento) che, affrontando una causa di separazione non consensuale tra due coniugi, ha disposto l'affido condiviso del cucciolo. Si tratta della prima ordinanza del genere in Italia. Così, ha spiegato a Repubblica l'avvocato palermitano Giovanni Bruno, difensore di una delle parti, "viene riconosciuta nella famiglia la valenza affettiva agli animali domestici".

La decisione del giudice affronta una questione su cui c'è un vuoto normativo. "Rilevato che in mancanza di accordi condivisi e sul presupposto che il sentimento per gli animali costituisce un valore meritevole di tutela, anche in relazione al benessere dell'animale stesso", si legge nell'ordinanza, "assegna il cane, indipendentemente dall'eventuale intestazione risultante nel microchip, a entrambe le parti, a settimane alterne, con spese veterinarie e straordinarie al 50 per cento".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali