FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scuola, le elementari cambiano: per i piccoli alunni giudizi al posto dei voti

I livelli di apprendimento saranno quattro: avanzato, intermedio, base e in via di prima acquisizione

scuola classe alunni prof elementari
-afp

Alla scuola elementare tornano i giudizi descrittivi al posto dei voti numerici, già a partire dal primo quadrimestre. E' quanto prevede un'ordinanza del ministero dell'Istruzione che attua quanto previsto dal decreto Scuola. Il ministro Lucia Azzolina ha spiegato che "la valutazione, soprattutto in quella fascia di età, deve essere quanto più possibile chiara e rappresentativa del percorso fatto, dei miglioramenti conseguiti, degli obiettivi raggiunti".

ll giudizio descrittivo di ogni studente sarà riportato nel documento di valutazione e sarà riferito a quattro differenti livelli di apprendimento.

 

Livello "avanzato" - L'alunno porta a termine compiti in situazioni note e non note, mobilitando una varietà di risorse sia fornite dal docente, sia reperite altrove, in modo autonomo e con continuità.

 

Livello "intermedio" - L'alunno porta a termine compiti in situazioni note in modo autonomo e continuo; risolve compiti in situazioni non note, utilizzando le risorse fornite dal docente o reperite altrove, anche se in modo discontinuo e non del tutto autonomo.

 

Livello "base" - L'alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e utilizzando le risorse fornite dal docente, sia in modo autonomo ma discontinuo, sia in modo non autonomo, ma con continuità.

 

Livello "in via di prima acquisizione" - L'alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e unicamente con il supporto del docente e di risorse fornite appositamente.

 

I livelli di apprendimento saranno riferiti agli esiti raggiunti da ogni alunno in relazione agli obiettivi di ciascuna disciplina. Nell'elaborare il giudizio descrittivo si terrà conto del percorso fatto e della sua evoluzione.

 

La valutazione degli alunni con disabilità certificata sarà correlata agli obiettivi individuati nel Piano educativo individualizzato (PEI), mentre la valutazione degli alunni con disturbi specifici dell'apprendimento terrà conto del Piano didattico personalizzato (PDP).

 

"In questo modo abbiamo la possibilità di osservare e descrivere con maggiore chiarezza non solo i traguardi raggiunti dalle bambine e dai bambini, ma anche il percorso che hanno fatto per raggiungere determinati obiettivi e i processi attivati nei diversi ambiti disciplinari", ha sottolineato il viceministro dell'Istruzione Anna Ascani, che ha proprio la delega sul sistema nazionale di valutazione, con particolare riferimento alla valutazione degli apprendimenti. 

 

Milano, il ritorno a scuola è senza plastica: Marco Mengoni e il sindaco Sala distribuiscono le borracce

Milano dice no alla plastica e dà il via all'anno scolastico in ottica green. Circa 50 bambini che iniziano la prima elementare hanno ricevuto dal sindaco, Giuseppe Sala, e dal cantante Marco Mengoni, le borracce che il Comune ha deciso di distribuire nelle scuole per combattere l'utilizzo della plastica. Sono 100mila in tutto le borracce che verranno consegnate nelle scuole elementari e medie della città, in collaborazione con le società MM e A2A. "Abbiamo calcolato che a Milano ci saranno 30 milioni di bottiglie in meno all'anno grazie all'utilizzo di queste borracce - ha detto Sala ai bambini riuniti nel cortile della scuola -. L'acqua del sindaco è buona e costa pochissimo quindi vi invito a berla nelle vostre case". (Foto Comune di Milano)

leggi tutto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali