FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Scomparsa di Guerrina Piscaglia, il Comune batte cassa e chiede lʼImu

Nonostante la condanna per omicidio di Padre Graziano, lʼamministrazione di Novafeltria (Rimini) ritiene la donna viva perché non si è mai trovato il suo corpo

E' scomparsa nell'Aretino il 1° maggio del 2014. Il 24 ottobre 2016 è stato condannato Padre Graziano, sacerdote congolese, per il suo omicidio, anche se il suo corpo non è mai stato trovato. Eppure per il Comune di Novafeltria (Rimini) Guerrina Piscaglia è ancora viva e deve pagare l'Imu. È arrivata infatti all'indirizzo di famiglia la cartella esattoriale per la tassa da versare per la casa dei genitori, nel Riminese, che ora sarebbe di proprietà anche della donna scomparsa, oltre che delle sue sorelle.

Per la burocrazia Guerrina è vivaIl suo corpo, è vero, non è mai stato trovato. Ma la corte d'assise di Arezzo che ha ritenuto colpevole di omicidio il sacerdote congolese Gratien Alabi, conosciuto come Padre Graziano, non aveva dubbi sul fatto che Guerrina fosse morta. L'amministrazione comunale invece sembra non essere d'accordo, nonostante tutti in paese conoscano bene l'intera vicenda. "L'abitazione in questione è quella dei genitori", hanno raccontato i familiari. "Ci sono ancora dei passaggi di successione da fare - hanno spiegato - che non sono stati portati a termine; dopo la sparizione della nostra Guerrina, vanno chiarite certe cose. Lo abbiamo fatto presente in Comune, ma dagli uffici ci dicono che le pratiche vanno avanti e questi soldi devono essere consegnati".

Una doccia gelataLa spesa non è eccessiva, si aggira attorno ai 150 euro. Ma per i parenti rimane un brutto colpo: "Dopo tanto dolore, anche la beffa". Intanto il prete congolese continua a dichiararsi innocente e ha fatto ricorso in Cassazione. "Sarebbe stato più sensato aspettare l'ultimo grado di giudizio sul processo a Gratien. Niente da fare", racconta la famiglia.

Il DnaIl commissario di Governo per le persone scomparse ha chiesto alla procura di Arezzo di mettere a disposizione il Dna della donna. Era stato prelevato durante le indagini dal rossetto e dallo spazzolino di Guerrina e ora verrà inserito all'interno della banca dati nazionale. In questo modo sarà più semplice verificare che sia compatibile con eventuali resti umani.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali