FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Salerno, salvati sei cani dai combattimenti clandestini, curati e portati in un rifugio sicuro

Quattro femmine e due maschi di pitbull mostravano cicatrici, ferite aperte, magrezza e aggressività. Gli animali sono stati curati a Roma grazie al nuovo progetto "Io non combatto" di Humane Society International e della Fondazione Cave Canem

Salvati sei cani dai combattimenti clandestini in provincia di Salerno: ecco le foto

Sei cani, legati quasi certamente al fenomeno criminoso dei combattimenti tra cani, sono stati salvati grazie a Humane Society International (Hsi) e alla Fondazione Cave Canem. L’operazione di recupero è stata condotta in provincia di Salerno dalla procura di Lagonegro, con l’aiuto dei carabinieri forestali di Padula. Nello stesso luogo è stato scoperto uno spazio allestito come palestra per l’addestramento e predisposto per la riproduzione degli animali. Questa opera fa parte del nuovo progetto "Io non combatto", nato dalla volontà di prevenire e reprimere i combattimenti clandestini.

Il nuovo rifugio - I cani, quattro femmine e due maschi di razza pitbull, sono stati trasferiti in un rifugio di Roma. La custodia giudiziaria è stata assegnata alla Fondazione Cave Canem per garantire agli animali un riparo accogliente e il loro recupero psicofisico. I sei cani, infatti, mostrano tutti i segni dei maltrattamenti subiti: cicatrici, ferite aperte, magrezza, fobia e difficoltà a interagire o relazionarsi con i loro simili. Gli animali sono stati immediatamente sottoposti a tutti gli accertamenti veterinari.

 

Il fenomeno dei combattimenti clandestini fra cani è tutt’altro che sconfitto sia a livello nazionale che internazionale. I cani vengono addestrati per diventare delle armi e sono costretti a sfidarsi fino alla morte. Attorno a questi ring girano scommesse e grandi somme di denaro.

 

 

Il progetto "Io non combatto" - L'organizzazione si pone l’obiettivo di offrire strumenti concreti contro questo fenomeno, attraverso attività di ricerca e divulgazione scientifica, operazioni sul campo e sensibilizzazione dell’opinione pubblica. Ma non solo: i professionisti coinvolti intervengono in situazioni concrete, per la riabilitazione comportamentale di cani traumatizzati e per la formazione di personale specializzato. Gli incontri formativi previsti per il 2022, saranno rivolti a medici veterinari, educatori cinofili, operatori di canili, magistrati e Forze dell’Ordine, in modo che possano riconoscere i segnali della presenza di combattimenti clandestini sul territorio ed agire prontamente.

 

 

Le dichiarazioni - Federica Faiella, cofondatrice e vicepresidente della Fondazione Cave Canem, spiega: "Questa operazione è la prima di innumerevoli azioni integrate contemplate dal progetto "Io non combatto" e pensate per riportare l’attenzione sul fenomeno criminale. I sei cani tratti in salvo presentano segni di maltrattamento. Al loro fianco ci sarà d’ora in poi un team di medici veterinari e educatori cinofili che li accompagneranno in un percorso di recupero".

 

 

Martina Pluda, direttrice per l’Italia di Humane Society International, dichiara: “Le cicatrici sui corpi di questi cani e la tristezza nei loro occhi dimostrano che questa pratica illegale è ancora presente e sottolineano la necessità di dare vita a un progetto come "Io non combatto". Solo con un’azione congiunta e con il supporto, le competenze e la sensibilità di magistrati, Forze dell’Ordine, veterinari, educatori cinofili, volontari e cittadini possiamo fermare queste attività criminose a danno degli animali”.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali