FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pasqua, Roma si svuota nonostante i divieti: code in tangenziale per andare sul litorale | Casi anche al nord e al sud

Il traffico si è intensificato sulle strade che dalla Capitale portano a Ostia e nelle altre località balneari. Ma anche in Val Seriana, in provincia di Bergamo, sono più i villeggianti che i residenti

Troppa gente in giro nonostante i divieti. Un romano, dalla finestra di casa ha ripreso, incredulo e indignato, il serpentone di auto in coda diretto verso il litorale, in barba alle misure anti-coronavirus. Alla guida ci sono quelli irresponsabili che per Pasqua si dirigono verso le seconde case al mare. Ma da nord a sud, le cose non cambiano. E le forze dell'ordine fanno uno sforzo immane per contenere il fenomeno.

Incolonnati per ore a Roma, con il rischio di una sanzione o una denuncia, pur di passare fuori casa le vacanze pasquali come da tradizione, come se l'emergenza sanitaria non ci fosse. C'è anche qualche camioncino che dovrebbe lavorare, ma che rimane imbottigliato nel traffico. E' ciò che sta avvenendo in queste ore, non solo nella Capitale, ma in tutta Italia. 

 

Al nord, i carabinieri del comando provinciale di Bergamo hanno passato al setaccio le vie di Castione della Presolana, meta turistica in alta Val Seriana. Hanno fatto controlli casa per casa in questo paese risultato in questi giorni abitato più da turisti che da villeggianti.

 

I droni sorvegliano i cieli di Firenze per individuare eventuali assembramenti e controllare i parchi, mentre in Sicilia sono stati schierati 5.000 uomini delle forze di polizia per impedire la fuga verso le seconde case. Chiuso lo Stretto di Messina, il corpo forestale presidia i tradizionali luoghi delle scampagnate. 

 

Soltanto venerdì sono state comminate in tutta Italia 10.000 multe. Altrettante le persone denunciate per falsa attestazione e false dichiarazioni. E ben 32 erano i positivi che, invece di rimanere a casa in isolamento e quarantena, erano in giro.  Con il rischio di infettare gli altri.

 

Da Nord a Sud, controlli in tutto il Paese per il weekend di Pasqua

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali