FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, rientra dal weekend e trova la casa occupata: “Le mie cose buttate in strada”

Mattino Cinque racconta il dramma della donna che ora è costretta a dormire in macchina

Il rientro dal weekend si è trasformato in un vero e proprio incubo per Paola Barzotti, 46 anni, da15 residente in un appartamento Ater di proprietà della Regione, nel quartiere Laurentino 38 di Roma. Quando la donna è tornata a casa con i suoi tre figli, lo scorso lunedì intorno alle 19, ha trovato la sua casa occupata. I mobili del suo appartamento, i libri dei suoi figli, i loro effetti personali sono stati presi e buttati in strada vicino ai bidoni della spazzatura. Per la situazione della dipendente comunale c’è poco da fare, almeno per il momento: la famiglia Milanesi, che si è impossessata della sua casa, è conosciuta nel quartiere per essere “poco raccomandabile - come spiega Paola ai microfoni di Mattino Cinque - tanto che persino le forze dell’ordine mi hanno detto ‘Contro chi ti sei messa!’”.

La donna ha chiamato i Carabinieri che sono rimasti con lei fino alle tre di notte nel terribile giorno del suo rientro e ha sporto regolare denuncia contro questa famiglia che domina lo stabile di proprietà della Regione. A oggi, gli inquilini abusivi occupano ancora le mura della sua casa. “Sono costretta a dormire in macchina così mi rendo conto quando loro, di notte, scendono per buttare via le mie cose e cerco di recuperare quello che posso”, aggiunge la donna mentre suo figlio Matteo, 23 anni, racconta “Io e i miei fratelli, entrambi minori, siamo andati a dormire dai nonni”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali