FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, in piazza Venezia è in arrivo l'erede di "Spelacchio"

Il debutto è fissato per lʼ8 dicembre, ma sarà possibile ammirarlo già qualche giorno prima. Sarà decorato con 800 palline rosse, oro, argento e champagne, in versione lucida e glitterata e 100mila luci led color bianco caldo

E’ in arrivo in piazza Venezia, a Roma, l’erede di "Spelacchio", l’albero più dibattuto del Natale 2017. Quest’anno il suo posto sarà preso da un abete bianco, alto ben 22 metri e proveniente da un vivaio di Varese. Solo le fasi di preparazione sono durate tre giorni. Una volta issato, sarà decorato con 800 palline rosse, oro, argento e champagne, in versione lucida e glitterata e 100mila luci led color bianco caldo. Il debutto è fissato, come tradizione vuole, per l'8 dicembre, ma sarà possibile ammirarlo già qualche giorno prima. 

Quest'anno l'inziativa è interamente finanziata dal Comune di Roma e non più da uno sponsor come nei due anni precedenti. L'ultima volta che il Campidoglio ci aveva provato, nella Capitale era arrivato appunto "Spelacchio", l'abete rosso che si era seccato ancor prima di arrivare a Natale. Nonostante ciò era diventato un'attrazione, fotografata al pari dei monumenti che lo circondavano. Il nuovo abete dovrà dividere la piazza con i lavori della metro C.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali