FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Reggio Emilia, sentenza "Dpcm illegittimo" definitiva: il pm non fa ricorso 

Prosciolta una coppia che aveva esibito una falsa autocertificazione perché per il giudice "il Dpcm dell'8 marzo di un anno fa è illegittimo"

lockdown, citta deserte, controlli
Ansa

È diventata definitiva e irrevocabile, la sentenza di proscioglimento nei confronti di una coppia che aveva esibito una falsa autocertificazione. A emetterla era stato il giudice Dario De Luca del tribunale di Reggio Emilia e la sua decisione aveva fatto parecchio rumore. "Il Dpcm dell'8 marzo di un anno fa è illegittimo", aveva stabilito il togato. I termini per presentare opposizione in appello da parte del pm Iacopo Berardi sono scaduti. La sentenza è quindi definitiva. E potrebbe fare scuola. 

La vicenda risale al 13 marzo di un anno fa quando un uomo e una donna furono fermati dai carabinieri in pieno lockdown a Correggio, nella Bassa Reggiana. Nell' autocertificazione la donna dichiarò "di essere andata a sottoporsi ad esami clinici" e lui "di averla accompagnata". La motivazione sarebbe rientrata nella legittima necessità di spostamento per comprovate ragioni di salute. Ma i successivi controlli delle forze dell'ordine accertarono che "la donna quel giorno non era stata in alcun ospedale".

Il sostituto procuratore chiese un decreto di condanna penale con l'accusa di falso ideologico, non avendo ottemperato al primo Dpcm dell'allora premier Giuseppe Conte. Ma per il gip "il fatto non costituisce reato", sancendo di fatto l'illegittimità del Dpcm e un "falso inutile" quello commesso dai due.

 

 "Poiché - ha scritto il giudice - proprio in forza di tale decreto, ciascun imputato è stato costretto a sottoscrivere un'autocertificazione incompatibile con lo stato di diritto del nostro Paese. E ancora: "Nel nostro ordinamento giuridico, l'obbligo di permanenza domiciliare consiste in una sanzione penale restrittiva della libertà personale che viene irrogata dal giudice penale per alcuni reati all'esito del giudizio".

Una sentenza che ora può costituire un precedente, seppur di merito e non di Cassazione. 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali