FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pensionato seviziato a Manduria, uno dei ragazzi: “Schiaffi e calci senza nessun motivo, ma io volevo andare via”

A “Pomeriggio Cinque” il racconto di uno dei membri della baby gang fermati per le violenze nei confronti di Antonio Cosimo Stano

A “Pomeriggio Cinque” le prime parole di uno degli otto ragazzi fermati per le violenze nei confronti di Antonio Cosimo Stano, il pensionato 66enne di Manduria seviziato da una baby gang e morto il 23 aprile. “Li conoscevo da un mese, una sera mi hanno scritto andiamo a sfottere il pazzo, così siamo andati fino a casa e uno di loro ha iniziato a prendere a calci la porta fino a sfondarla. Dal nulla – prosegue il ragazzo – ha poi iniziato a tirargli schiaffi sul viso e dei calci alle gambe”.

Chi parla dice che avrebbe voluto andarsene: “Gli dicevo di tornare indietro e di fermarsi, io sono rimasto fermo vicino alla macchina, ma loro continuavano”. Poi pochi giorni dopo un secondo raid punitivo nei confronti dell’anziano: “La settimana dopo siamo tornati, solita scena porta sfondata e calci e schiaffi con lui che urlava e chiedeva aiuto”. Il ragazzo, tramite i suoi avvocati, ha fatto sapere di non avere avuto un ruolo centrale nelle violenze.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali