FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Lecce, ridotte in schiavitù e costrette a prostituirsi: due arresti

Portate in Italia dalla Bulgaria, le donne venivano segregate e costrette a prostituirsi. Avrebbero subito violenza e sevizie: dalle percosse alle bruciature di sigaretta sulle mani o tagli con il coltello

squillo,prostituta,prostitute,prostituzione
-afp

Avrebbero creato un'associazione finalizzata a portare in Italia dalla Bulgaria numerose donne per avviarle alla prostituzione dopo averle ridotte in schiavitù. La polizia ha arrestato un cittadino bulgaro, Mariyan Chakarov, di 46 anni, e un italiano, Angelo Manzo, di 62 anni, entrambi residenti a Taviano, in provincia di Lecce. 

I due sono accusati di associazione per delinquere, lesioni personali, sfruttamento della prostituzione, riduzione o mantenimento in schiavitù, tratta di persone ed estorsione.

 

L'indagine - Tutto è partito dopo la denuncia presentata da due donne che sarebbero state fatte arrivare dalla Bulgaria e subito dopo avviate all'attività di prostituzione. Secondo l'accusa Chakarov, a capo dell'organizzazione, sarebbe colui che "riscattava" le donne in Bulgaria "acquistandole" da altri criminali per poi portarle in Salento, sequestrando loro i documenti e minacciando di far del male a loro o ai familiari rimasti nel paese d'origine, nel caso le ragazze non avessero eseguito i suoi ordini.

 

 

Le torture - L'attività degli inquirenti ha accertato che, una volta arrivate in Italia, le donne venivano segregate, tenute a digiuno, costrette a fine giornata a consegnare tutta la somma incassata dall'attività di prostituzione. Secondo le ricostruzioni le ragazze avrebbero subito violenza e sevizie di ogni genere: dalle percosse alle bruciature di sigaretta sulle mani o tagli con il coltello. Due presunti componenti del clan, un 29enne e un 31enne di nazionalità bulgara, sono ricercati. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali