FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fonti sindacali: tre esplosioni nello stabilimento all'ArcelorMittal di Taranto

Le deflagrazioni hanno squarciato le tubature di una condotta di aspirazione: dopo lʼincidente slitta il contestato stop dellʼAcciaieria 1

Fonti sindacali hanno denunciato un incidente nella notte all'ArcelorMittal di Taranto. Nell'Acciaieria 2 dello stabilimento, secondo una nota dei coordinatori di fabbrica di Fiom e Uilm, sono avvenute tre esplosioni, che hanno squarciato le tubazioni della condotta d'aspirazione del recupero gas. Nessuno è rimasto ferito, ma per i sindacalisti l'esplosione dimostra che l'aumento del carico sull'Acciaieria 2 per chiudere la 1 è insostenibile.

La fermata dell'Acciaieria 1 era stata annunciata dalla multinazionale indiana, con un conseguente esubero di 250 persone (sulle attuali 477) che verranno collocate in Cassa integrazione. Ma secondo i coordinatori di fabbrica Francesco Brigati e Gennaro Oliva "l'Acciaieria 2, a conferma di quanto sostenuto da Fiom e Uilm nei giorni scorsi e verificato nel corso del sopralluogo effettuato ieri, non può sostenere l’aumento produttivo a 3 convertitori e gli ultimi episodi lo testimoniano”. I sindacati chiedono dunque in una nota che ArcelorMittal “torni sui suoi passi e sospenda immediatamente la scelta unilaterale di fermare l’Acciaieria 1 in quanto i continui rinvii e ritardi su manutenzione ordinaria e straordinaria determinano, in caso di aumento produttivo, situazioni di pericolosità sia dal punto di vista della sicurezza che dell’ambiente”.

 

E dopo l'incidente, l'azienda ha deciso di far slittare di almeno due settimane lo stop dell'Acciaieria 1, comunicandolo ai sindacati durante l'incontro con il management richiesto da Fim, Fiom e Uilm.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali