FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Donna e bimba morti dopo parto, trovato secondo neonato: erano nati vivi e sarebbero stati affogati

Lʼaltro corpicino è stato rinvenuto chiuso in una busta

Donna e bimba morti dopo parto, trovato secondo neonato: erano nati vivi e sarebbero stati affogati

Ci sarebbe una svolta nel caso della romena di 27 anni, Roxana Rapasu, trovata morta insieme a una neonata, a Ceglie Messapica, nel Brindisimo, il 31 ottobre. Ora è stato trovato un secondo neonato, avvolto in una traversa e chiuso in una busta di plastica all'interno di un'altra busta. A fare il macabro ritrovamento sono stati i carabinieri, tornati nell'abitazione dopo che l'autopsia aveva rilevato la presenza di un secondo cordone ombelicale.

Come hanno potuto rilevare i medici che hanno eseguito l'esame autoptico sulla madre e sulla piccola, la gravidanza era giunta a termine e la bambina, così come il suo gemello, era nata viva, ma è poi morta affogata. Bisognerà attendere l'autopsia che verrà eseguita domani sul secondo bambino per stabilirne il sesso e la causa della morte.

La donna invece, è morta per una emorragia intervenuta dopo che aveva partorito da sola nella casa-garage dove viveva, al piano terra di una palazzina a Ceglie Messapica. Sui due neonati sarà eseguito anche il test del Dna.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali