FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Turismo, per il Ponte dell'8 dicembre in viaggio 7 milioni di italiani: il 18% sceglie l'estero

Il weekend lungo dell'Immacolata nel 75% dei casi non supererà i 3 giorni, con 2 pernottamenti in strutture turistico ricettive e case in affitto breve, per una spesa di circa 2,7 miliardi

Per il Ponte dell'8 dicembre saranno 7 milioni gli italiani che pernotteranno almeno una notte in strutture turistico ricettive e case in affitto breve, per una spesa di circa 2,7 miliardi.

Un weekend lungo che nel 75% dei casi, non supererà i 3 giorni, con 2 pernottamenti. Numeri in linea con il 2022, anche se tendenzialmente si ridurrà la spesa media. In aumento dall'11 al 18%, invece, le vacanze all'estero, soprattutto tra giovani, single e chi opterà per una vacanza più lunga. È quanto emerge dall'Osservatorio Turismo di Confcommercio sulle vacanze degli Italiani realizzato in collaborazione con Swg.

Turismo, per il Ponte dell'8 dicembre in viaggio 7 milioni di italiani: il 18% sceglie l'estero - foto 1
Tgcom24

500mila italiani hanno rinunciato a partire, altri decideranno all'ultimo

 Un sentiment delle famiglie che secondo Confcommercio mostra due atteggiamenti diversi: da una parte, la voglia di un ritorno alle abitudini pre pandemiche, dall'altra una incertezza dettata dallo scenario internazionale che, nell'ultimo mese, ha portato circa 500mila italiani a rinunciare a un viaggio che si stava programmando. Più in generale, oltre la metà degli intervistati dichiara che nel periodo invernale, per quanto sia intenzionata a fare una vacanza, prenderà la decisione finale solo all'ultimo momento o in base alle offerte che potrà trovare.

 

In Italia in cima alle scelte le città d'arte, i borghi di montagna e i mercatini natalizi

 Città d'arte, grandi città, località di montagna e destinazioni della costa sono in cima alle scelte di chi parte, dove però il brusco cambiamento del meteo, con temperature più rigide e buone condizioni di innevamento in quota, favorirà la corsa all'ultimo momento verso destinazioni montane. Senza dimenticare l'effetto mercatini di Natale, ormai da tempo non più appannaggio esclusivo dell'arco alpino ma diventati elemento valorizzante dell'offerta di buona parte delle città d'arte e di molte aree anche del Centro-Sud - dalla Campania, all'Umbria al Lazio - che insieme a Lombardia e Piemonte costituiscono la top five delle regioni scelte per il viaggio.

 

Le mete preferite all'estero

 Anche chi sceglie l'estero è fortemente attratto dall'atmosfera pre-natalizia delle grandi capitali e città di Francia, Germania, Austria e Regno Unito, se non addirittura di New York, per chi punta oltre oceano. Torna però a strizzare l'occhio agli italiani l'esotico a portata di mano del Mar Rosso o quello, un po' più distante, dell'Oceano indiano.

 

Cna: Per il Ponte dal turismo previsto un giro d'affari da 6 miliardi

 Secondo un'indagine di Cna Turismo e Commercio per il Ponte dell'Immacolata, che l'Ansa ha pubblicato in anteprima, il giro d'affari previsto tra giovedì 7 e domenica 10 dicembre è di sei miliardi di euro. I turisti italiani sono destinati a replicare la performance del 2019, gli stranieri a migliorarla, archiviando così definitivamente i difficili anni del Covid. Complessivamente i vacanzieri che pernotteranno in strutture alberghiere ed extra-alberghiere arriveranno a quota quattro milioni, di cui 2,4 milioni gli italiani e 1,6 gli stranieri. Gli stranieri registreranno una media pro capite di tre pernottamenti (prolungando la vacanza in taluni casi fino a lunedì) contro i due dei connazionali. A queste cifre vanno aggiunti i dieci milioni di vacanzieri, italiani nella quasi totalità, che limiteranno a un solo giorno la loro uscita fuori casa.

 

Gli stranieri arriveranno per metà dall'Eurozona e per l'altra metà dai Paesi extra-continentali, attirati questi ultimi anche dalla debolezza dell'euro. Per quanto riguarda l'Europa, saranno soprattutto francesi, tedeschi, spagnoli e britannici gli ammiratori dell'Italia. Nordamericani, asiatici e brasiliani in maggioranza gli extra-europei. A far da traino saranno le piste innevate; i paesi, i borghi e i centri urbani addobbati con luminarie sempre più sofisticate; le città d'arte; le località termali. Con calamite come l'enogastronomia e le attività esperienziali che fanno perno sull'artigianato e l'agricoltura.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali