FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, pensionato 70enne spara alla moglie malata da anni e si uccide

Lʼuomo ha lasciato una lettera nella quale spiega di non riuscire più a sopportare il dolore e per la grave e lunga malattia della moglie

Un pensionato settantenne, Norberto Ranauro, ha sparato alla moglie, Luciana Savonitto, e si è poi ucciso con la stessa pistola. E' successo a Torino, in un condominio in via Signorini, alla periferia nord-est della città. Pare che la donna da due anni soffrisse del morbo di Alzheimer. La coppia, che non aveva figli, viveva nel quartiere da 51 anni. Sul posto sono intervenuti polizia e 118.

Torino, spara alla moglie malata e si uccide

La donna, secondo quanto hanno raccontato i vicini, era stata ospite per un periodo in una residenza socio-assistenziale nella vicina via Botticelli e sarebbe stata riportata a casa proprio giovedì mattina. A dare l'allarme è stata una parente della coppia, che da alcune ore non riceveva risposte al telefono. Quando i vigili del fuoco sono entrati nell'abitazione, i coniugi erano entrambi morti.

L'omicida-suicida, che ha agito con una pistola Beretta regolarmente denunciata, avrebbe ucciso anche il loro gatto. Nella casa della coppia è stata trovata una lettera nella quale l'uomo ha spiegato di non riuscire più a sopportare il dolore e le difficoltà della vita aggravate dalla malattia della moglie.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali