FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

"Cerniera scadente e porta socchiusa, un invito a osare": assolto da accusa di violenza sessuale

La Corte d'appello di Torino ribalta la sentenza di condanna di primo grado: la vittima, con il suo comportamento, avrebbe provocato l'imputato

stupro violenza sessuale violenza donne stuprata carnale generica
ansa

Condannato in primo grado per violenza sessuale, assolto dalla Corte d'Appello perché la vittima, con il suo comportamento, avrebbe indotto l'imputato a "osare".

La sentenza di un giudice torinese che ha ribaltato il verdetto del primo grado, la condanna, cioè, a 2 anni, 2 mesi e 20 giorni - riguarda un episodio del 2019. I ragazzi si conoscevano da tempo, ma il giovane avrebbe abusato dell'amica nel bagno di un locale nel centro di Torino.


Secondo i giudici della Corte d'Appello la ragazza, "alterata per un uso smodato di alcol (...), provocò l'avvicinamento del giovane che la stava attendendo dietro la porta" del bagno.


 


L'imputato "non ha negato di avere abbassato i pantaloni della giovane" - ma - secondo il giudice della Corte d'Appello - "nulla può escludere che sull'esaltazione del momento, la cerniera, di modesta qualità, si sia deteriorata sotto forzatura".


 


La sentenza è stata impugnata in Cassazione dal sostituto procuratore generale Nicoletta Quaglino.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali