FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Morte Matilda, assolto in appello Cangialosi: non uccise la figlia della compagna

Lo ha deciso la Corte dʼassise dʼAppello di Torino. Dopo 13 anni ancora non si conosce la verità su come morì la piccola

Assolto in appello Antonio Cangialosi, l'uomo accusato di omicidio preterintenzionale per la morte di Matilda Borin, la bambina di 23 mesi morta nel luglio 2005 per una lesione alla schiena, forse provocata da un calcio, mentre si trovava con la madre Elena Romani e Cangialosi, allora fidanzato della donna. Per il decesso della piccola era stata processata e assolta anche la mamma.

La decisione della Corte d'Assise d'Appello di Torino arriva dopo che la Cassazione, accogliendo il ricorso presentato dalla madre, aveva annullato il non luogo a procedere nei confronti dell'uomo deciso dal gip.

Dopo 13 anni la morte di Matilda resta un mistero - La piccola Matilda morì il 2 luglio 2005, in circostanze poco chiare: l'autopsia rivelò che la bimba era morta a causa di lesioni (al fegato a un rene e ad una costola) compatibili con il tentativo di un adulto di bloccare i movimenti della bambina, attraverso una forte pressione esercitata sulla schiena,con una mano o con un piede. Elena Romani aveva raccontato di aver preso la bambina dal letto, perché aveva vomitato, e di averla data in braccio al fidanzato Antonio Cangialosi, per andare a stendere sul balcone le federe sporche di vomito. Al suo rientro la bambina era esanime.

Sia Elena Romani sia Antonio Cangialosi sono finiti a più riprese nel mirino degli inquirenti, ma a distanza di 13 anni ancora non esiste una verità su come morì la piccola Matilda.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali