FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Edificio esploso nell'Alessandrino, i carabinieri interrogano il proprietario

Lʼinchiesta ipotizza i reati di omicidio plurimo, lesioni e crollo doloso. Sulle indagini viene mantenuto il massimo riserbo

esplosione cascina provincia alessandria

I carabinieri di Alessandria hanno interrogato per ore il proprietario della cascina esplosa a Quargnento in cui sono morti tre vigili del fuoco. Sull'attività investigativa i militari dell'Arma mantengono il massimo riserbo. Il fascicolo aperto dal procuratore Enrico Cieri ipotizza i reati di omicidio plurimo, lesioni e crollo doloso.

A rivelare l'identità della persona ascoltata dai carabinieri è stato l'avvocato Laura Mazzolini. "Ho assistito all'interrogatorio, non posso dire nulla. Penso che tra poco avrete
delle dichiarazioni ufficiali", ha detto il legale lasciando gli uffici dell'Arma in piazza Vittorio Veneto.

 

Poche ore prima Stefano Vincenti, figlio di Giovanni, aveva dichiarato: "Non ho informazioni da dare, gli inquirenti stanno facendo accertamenti. Non posso dire nulla", si è limitato a dire ai cronisti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali