FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Delitto di ʼndrangheta a Torino, il colpevole confessa dopo 31 anni

Lʼomicidio avvenne per uno scambio di persona: la vittima designata era Francesco Di Gennaro, ma Vincenzo Pavia sbagliò il bersaglio uccidendo Roberto Rizzi

Delitto di 'ndrangheta a Torino, il colpevole confessa dopo 31 anni

L'ex collaboratore di giustizia Vincenzo Pavia ha confessato dopo 31 anni di aver ucciso Roberto Rizzi il 20 maggio 1987 a Torino. L'omicidio sarebbe avvenuto "per uno scambio di persona" ed era stato commissionato da Saverio Saffiotti, legato come l'assassino alla famiglia Belfiore, cognome noto negli ambienti della 'ndrangheta. La vittima designata era Francesco Di Gennaro, detto "il rosso", ma Pavia sbagliò il bersaglio.

Di Gennaro, il vero obiettivo di Pavia, venne poi ammazzato nello stesso bar, il 24 agosto 1988, da alcuni killer del gruppo Belfiore. Anche Saffiotti è stato assassinato, il 25 giugno 1992, su ordine di Salvatore Belfiore, salito ai vertici della famiglia - secondo gli inquirenti - dopo la carcerazione del fratello Domenico, condannato in via definitiva all'ergastolo per l'omicidio del procuratore di Torino Bruno Caccia, assassinato a Torino nel 1983.

Le indagini della squadra mobile proseguono per stabilire eventuali collegamenti con altri omicidi di quegli anni rimasti insoluti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali