FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Calca Torino, lʼarcivescovo: "La morte di Erika è un marchio sui responsabili"

La Procura cambia lʼipotesi di reato del fascicolo contro ignoti: da lesioni a omicidio colposo

"La morte di Erika aggrava ancora più profondamente il giudizio già severo formulato dopo quanto è accaduto. La ferita al cuore stesso della città resterà come un marchio che pesa sulla nostra coscienza di cittadini e su quanti sono stati la causa diretta o indiretta degli assurdi incidenti". Lo ha detto l'arcivescovo di Torino, monsignor Nosiglia, dopo la morte di Erika Pioletti, la 38enne deceduta in seguito agli incidenti di piazza San Carlo.

"Oggi comunque - prosegue monsignor Nosiglia - non è tempo di sterili polemiche o accuse o promesse che la cosa non accadrà più: l'inchiesta avviata farà il suo corso e trarrà le conseguenze in ordine alle gravi responsabilità di ciascuno. Ora invece è il momento della solidarietà di tutta la città, che è chiamata a stringersi attorno alla famiglia di Erika per un abbraccio fraterno a lei e ai suoi cari, insieme alla preghiera e al ricordo incancellabile che porteremo nel nostro cuore per sempre".

Intanto da fonti della Procura arriva la conferma che l'ipotesi di reato contenuta nel fascicolo d'inchiesta diventerà quella di omicidio colposo, mentre finora era solo di lesioni colpose plurime gravi e gravissime. Il cambio di imputazione, dopo la morte di Erika Pioletti, verrà formalizzato nel corso della giornata.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali