FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pfizer e Moderna due potenti armi anti-Covid, il virologo Palù a Tgcom24: "Vi spiego come funzionano i vaccini"

Il presidente dellʼAifa: "Entrambi i prodotti danno protezione elevatissima in grande sicurezza". Passi avanti anche sulla terapia monoclonale: "Oggi sei siti produttivi nel mondo"

"Con il vaccino di Moderna avremo a disposizione un'arma molto potente, efficace al 95%, che si andrà ad affiancare al già utilizzato Pfizer-BioNTech, per combattere il virus". Il virologo Giorgio Palù, presidente dell'Aifa, racconta a Tgcom24 come funzionano i preparati con cui si sta cercando di arginare la diffusione del Covid. 

Immunità sterilizzante - "La piattaforma tecnologica dei due vaccini è la stessa - spiega -: è basata sulla sintesi dell'Rna, il prodotto genico che permette di sintetizzare la protiena E contro cui si attivano gi anticorpi che neutralizzano l'infezione e potrebbero dare un'immunità sterilizzante. Proteggere cioè completamente non solo dalla malattia ma anche dall'infezione".

 

Protezione in sicurezza - Gli studi hanno rivelato che entrambi i vaccini, Moderna e Pfizer, danno una protezione elevatissima. "Moderna inoltre - chiarisce Palù ha fatto studi particolari sulle persone più anziane,valutando anche eventuali obiettivi secondari, anche questi risultati negativi. Insomma mai si erano visti vaccini con queste caratteristiche di efficacia e sicurezza". 

 

Il caso AstraZeneca - Infine, c'è AstraZeneca, per cui il nostro Paese ha messo in preventivo circa 50 milioni di dosi, il contingente più elevato, ma per cui si parla anche di supplemento di indagine. "Una sosepensione dovuta alla concentrazione delle dosi e alla distanza tra prima e seconda dose, che hanno rivelato qualche problema". 

 

 

La terapia monoclonale - In parallelo si sta procedendo con la terapia monoclonale, su cui ci sono oggi sei siti produttivi nel mondo. "Si tratta di farmaci - spiega il virologo - che, se somministrati entro i p rimi 2-3 giorni dall'esordio dei sintomi, prevengono l'evoluzione verso l'ospedalizzazione nel 70-80% dei casi, Per questa terapia però servirebbe una diagnosi tempestiva che, in questa fase, sembra difficile ottenere". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali