FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pescatori in Libia, l'armatore a Tgcom24: "Nessuna notizia sulla loro sorte ma tra loro ci sono diabetici"

Le imbarcazioni di Mazara del Vallo (Trapani) sono bloccate dalla Marina di Tripoli da quasi 40 giorni. "Qui in Italia ci sono 18 famiglie allo sbando", precisa Leonardo Gancitano in diretta

"A 37 giorni dal sequestro in Libia, non sappiamo nulla dei nostri pescatori: siamo disperati. Alcuni hanno bisogno di cure, di farmaci, sono diabetici". Sono sconfortate le parole che l'armatore trapanese Leonardo Gancitano pronuncia durante l'intervento in diretta a Tgcom24. "In concreto non abbiamo notizie, ci sono 18 famiglie allo sbando", ha aggiunto. Nel frattempo i parenti degli uomini trattenuti da Tripoli hanno manifestato a Roma, davanti a Montecitorio.

La vicenda - Il 1° settembre, a poche ore di distanza dall'incontro tra Luigi di Maio e Fayez al Serraj, capo del governo libico, il peschereccio "Antartide" veniva sequestrato insieme al "Medinea" nel porto di Bengasi, perché entrati in acque libiche. Le imbarcazioni, provenienti da Mazara del Vallo (Trapani), avevano a bordo rispettivamente dieci e sei membri dell'equipaggio. A compiere il sequestro la Marina di Haftar, che è ancora a capo dell'autoproclamato esercito libico dell'Est del Paese.


Il Ministero ha più volte ribadito attenzione sul caso, mentre dalla Libia venivano avanzate richieste di scambio di prigionieri. La proposta, giunta intorno al 15 settembre, aveva come obiettivo la scarcerazione di quattro uomini condannati in Italia a 30 anni per traffico di essere umani e l'omicidio di 49 migranti. Il ministro Di Maio ha sottolineato più volte il suo impegno della liberazione dell'equipaggio. Ha sentito le famiglie, il sindaco di Mazara del Vallo e gli armatori, oltre al suo omologo emiratino e il ministro russo Lavrov. "Non accettiamo ricatti, i nostri concittadini devono tornare a casa", aveva pertanto risposto a Tripoli.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali