FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Papa Francesco: "No alla povertà farmaceutica, il vaccino contro il Covid sia per tutti"

"Sarebbe triste se si desse priorità ai ricchi o se diventasse proprietà di singole nazioni", ha detto in udienza nellʼAula Paolo VI

Papa Francesco, prima udienza in presenza

L'emergenza coronavirus oltre che una crisi sanitaria sta causando anche "una grave crisi economica, che genera ancora poveri e famiglie che non sanno come andare avanti". Lo ha detto papa Francesco che ha invitato a combattere soprattutto la "povertà farmaceutica" e a rendere "universale" il vaccino. "Sarebbe triste se si desse priorità ai ricchi o se diventasse proprietà di singole nazioni", ha aggiunto il Pontefice". 

"Mentre si opera l'assistenza caritativa, bisogna combattere anche questa povertà farmaceutica, in particolare con un'ampia diffusione nel mondo dei nuovi vaccini", ha detto il Papa ricevendo in udienza nell'Aula Paolo VI i membri della Fondazione "Banco Farmaceutico" in occasione del ventennale della nascita. 

 

I più vulnerabili - "Chi vive nella povertà è povero di tutto, anche di farmaci e quindi la sua salute è più vulnerabile. A volte si corre il rischio di non potersi curare per mancanza di soldi, oppure perché alcune popolazioni del mondo non hanno accesso a certi farmaci", ha aggiunto Francesco. 

 

Etica e cura - Secondo il Pontefice "sul piano etico, se c'è la possibilità di curare una malattia con un farmaco, questo dovrebbe essere disponibile per tutti, altrimenti si crea un'ingiustizia. Troppe persone, troppi bambini muoiono ancora nel mondo perché non possono avere quel farmaco che in altre regioni è disponibile, o quel vaccino", ha sottolineato.

 

L'appello a uno sforzo comune - Papa Francesco poi ha lanciato un vero e proprio appello: "Vi propongo invece di globalizzare la cura, cioè la possibilità di accesso a quei farmaci che potrebbero salvare tante vite per tutte le popolazioni. E per fare questo c'è bisogno di uno sforzo comune, di una convergenza che coinvolga tutti. E voi siete l'esempio di questo sforzo comune". Poi Francesco si è augurato "che la ricerca scientifica possa progredire per cercare sempre nuove soluzioni a problemi vecchi e nuovi". 

 


Una più equa distribuzione - Secondo il Pontefice, infine, "le aziende farmaceutiche, sostenendo la ricerca e orientando la produzione, generosamente possono concorrere a una più equa distribuzione dei farmaci". Inoltre, "i farmacisti sono chiamati a svolgere un servizio di cura in prossimità alle persone più bisognose, e in scienza e coscienza operano per il bene integrale di quelli che a loro si rivolgono. Anche i governanti, attraverso le scelte legislative e finanziarie, sono chiamati a costruire un mondo più giusto, in cui i poveri non vengano abbandonati, o più brutto ancora, scartati", ha concluso.

 

Papa Francesco riprende le udienze in presenza: "Bello potersi incontrare di nuovo"

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali