FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Pagati per non lavorare: lʼItalia è il Paese degli "imboscati"

Certificati e permessi: dai netturbini agli operatori sanitari, cresce il numero dei dipendenti esentato dallo svolgere le sue mansioni per problemi fisici e familiari, secondo una ricerca Cergas-Bocconi

A Palermo 270 netturbini hanno il certificato per non spazzare; a Pescara 50 infermieri e operatori socio-sanitari svolgono mansioni solo amministrative; a Firenze il 40% dei vigili urbani passa più tempo in ufficio che in strada; a Como gli operai dalla strada finiscono dietro le scrivanie. Che si guardi da Sud a Nord o da Nord a Sud la fotografia scattata dalla ricerca Cergas-Bocconi e pubblicata da La Repubblica è incredibile: migliaia di dipendenti pubblici inabili al lavoro per i quali sono stati assunti, grazie a certificati e permessi, per problemi fisici e familiari. L'Italia è dunque il Paese degli "imboscati", seppur in tutta legalità?

Vigili lontani dalle strade e parcheggiati dentro gli uffici a Firenze (il 40%) come a Napoli (un terzo del totale). Il 12% dei dipendenti nella sanità, un esercito di 80mila lavoratori, per lo più donne, ha una serie di limitazioni alla propria idoneità sul lavoro, con picchi del 24% tra gli operatori socio-sanitari e del 15% tra gli infermieri.

La metà di questi 80mila inidonei, peraltro, non può sollevare pazienti e trasportare carichi troppo pesanti; un altro 13% non può lavorare in piedi, il 12% di notte. E ancora a Palermo, netturbini che non possono spazzare, giardinieri comunali che non possono potare e diventano custodi e guardiani e 400 autisti che non guidano. E, poi, per fare qualche esempio in più, in Umbria il 26% per cento dei bidelli delle scuole è disabile o ha un parente malato e gode di permessi e agevolazioni.

Ma il record degli inabili al lavoro è soprattutto al Sud, dove i diritti dei lavoratori a colpi di permessi e autorizzazioni sfiorano nel pubblico impiego quasi l'abuso. A livello nazionale un caso è la legge 104 che consente ai lavoratori tutti di godere di giornate libere se disabili o se con familiari stretti gravemente malati: se ne avvale il 13% dei dipendenti pubblici, il 3,3% nel settore privato.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali