FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Omicidio Dalla Chiesa, quarant'anni fa la morte del generale che sfidò la mafia

Il 3 settembre del 1982 a Palermo, in via Isidoro Carini, la mafia uccideva il generale dei carabinieri e prefetto di Palermo Carlo Alberto dalla Chiesa, trucidato insieme alla moglie Emanuela Setti Carraro e all’autista Domenico Russo

Sono passati quarant'anni dall'attentato in cui persero la vita il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, fresco di nomina a prefetto di Palermo, la moglie Emanuela Setti Carraro e l'agente di polizia Domenico Russo.

Il

3 settembre

1982

, mentre erano a bordo della loro auto, il generale Dalla Chiesa e la moglie vennero trucidati da un commando a colpi di kalashnikov.

 


Nell’attentato morì, dopo 13 giorni di agonia, anche l’agente Russo, che seguiva la coppia a bordo di un'auto di scorta. Il progetto di Dalla Chiesa - già noto per l'azione di contrasto al terrorismo delle Brigate Rosse - era quello di colpire la struttura militare di Cosa nostra e di spezzare il sistema di collusioni tra mafia e politica ma, quando il generale venne ucciso, non aveva ancora fatto in tempo a prendere possesso dei poteri che il nuovo incarico gli conferiva.


 


Omicidio Dalla Chiesa, quarant'anni dopo

Il 3 settembre del 1982 a Palermo, in via Isidoro Carini, la mafia uccideva il generale-prefetto Carlo Alberto dalla Chiesa insieme alla moglie Emanuela Setti Carraro e all’autista Domenico Russo 

Leggi Tutto Leggi Meno


 


La carriera militare -

Il generale Dalla Chiesa nacque il

27 settembre 1920

a

Saluzzo

, in provincia di Cuneo. Figlio di un Ufficiale dei Carabinieri, Romano Dalla Chiesa, frequentò la Scuola allievi ufficiali di complemento di Spoleto. Si inserì nella vita militare durante la guerra nel Montenegro, come

Sottotenente

, nel

1941,

dove ottenne due croci di guerra al valore. Un anno dopo, passato nell'Arma dei Carabinieri, venne assegnato alla Tenenza di San Benedetto del Tronto, dove restò fino all'

8 settembre 1943

. Passò poi nel comando provinciale di Ascoli Piceno e in caso venne affrontato da un partigiano comunista. I partigiani della zona sospettavano che lui fosse responsabile del blocco dei rifornimenti di armi che gli alleati di tanto in tanto riuscivano a spedire via mare. Dopo, per colpa del suo rifiuto di collaborare nella caccia ai partigiani, venne preso di mira dei nazisti, ma riuscì a fuggire prima che le SS potessero catturarlo. Dopo la fuga, operò poi nella resistenza italiana, lavorando in clandestinità nelle Marche, unendosi alla "Brigata Patrioti Piceni" di stanza in Colle San Marco, località di montagna, dove organizzò gruppi per fronteggiare i tedeschi. Nel luglio del

1943 si laureò in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bari

. Nel dicembre dello stesso anno passò le linee nemiche con le truppe alleate, ritrovandosi in una zona d'Italia già liberata nel Regno del Sud. In

Sicilia

arrivò da giovane Capitano.

 

Al suo arrivo nella terra sicula gli venne affidato il comando del Gruppo Squadriglie di stanza a

Corleone

, ed è qui che cominciò la

lotta alla mafia

 dell'Ufficiale piemontese. In quell'occasione ebbe il primo vero contatto con la criminalità organizzata siciliana. Da Ufficiale superiore prestò servizio alla IV Brigata di Roma e della Legione di Torino, quindi comandò il Nucleo di Polizia Giudiziaria e il Gruppo di Milano: su sua proposta venne creato il "Nucleo Speciale Antiterrorismo" attivo tra il 1974 e il 1976. 


 


Il periodo siciliano

- Ma negli anni

Sessanta

tornò in

Sicilia

e, per oltre sette anni, gli venne affidato, come Colonnello, il Comando della Legione di Palermo (dal

1966

al

1973

) dove "Cosa Nostra" nel frattempo era cresciuta e aveva perfezionato il suo modo di agire, spostando i suoi interessi dall’agricoltura al commercio, con particolare attenzione all'edilizia e ai lavori pubblici. Ma sarà

la lotta al terrorismo

 e alle Brigate Rosse a coinvolgere presto Dalla Chiesa, promosso Generale. Dall’

ottobre 1973 al marzo 1977

, comandò la Brigata di Torino. Poi, nel

maggio

1977

, assunse l’incarico di Coordinamento del Servizio di Sicurezza degli Istituti di Prevenzione e Pena. E ancora, nel settembre 1978, ricoprì anche le funzioni di coordinamento e di cooperazione tra Forze di Polizia nella lotta al terrorismo, contribuendo validamente a debellare il fenomeno in Italia.


 



 


La lotta alla mafia e l'attentato - 

Nel 1982 venne nominato prefetto di Palermo dal presidente del Consiglio

Giovanni Spadolini

perché considerato l’uomo

giusto per fermare l’escalation criminale mafiosa

e, al suo arrivo in Sicilia, trovò una situazione non facile da affrontare: la guerra tra cosche. Nel giro di pochi mesi dall'incarico del generale vennero sferrati colpi durissimi a Cosa Nostra fino ad arrivare al giorno della tragedia, il 

3 settembre 1982: 

trenta pallottole di kalashnikov non lasciarono scampo a Dalla Chiesa e alla giovane moglie Emanuela Setti Carraro, mentre un altro killer si accanì contro l’agente di scorta, Domenico Russo. Lui tentò di proteggere la moglie del generale col suo corpo, ma l'assassino sparò prima a lei. 


Un uomo delle istituzioni viene colpito quando "

è diventato troppo pericoloso, ma si può uccidere perché è isolato

", queste le parole pronunciate dal generale in una delle sue ultime interviste in cui aveva descritto così la sua condizione: assediato dalla mafia, circondato da ostilità diffuse, lasciato senza i poteri che aveva chiesto nei primi mesi del suo incarico come prefetto del capoluogo siciliano. 


 


Le commemorazioni a Palermo - 

La prefettura di Palermo e il comando legione Carabinieri Sicilia hanno organizzato nel capoluogo siciliano una serie di iniziative in occasione del 40esimo anniversario della strage di via Carini. Alla Caserma del generale Dalla Chiesa verrà deposto un cuscino di fiori ai piedi del busto dedicato al generale. In via Isidoro Carini, zona della strage, ci sarà la commemorazione. In Cattedrale, la celebrazione della santa messa. Poi la commemorazione con interventi delle massime autorità dello Stato. In via Vittorio Emanuele, la deposizione dell'omaggio floreale al cippo commemorativo dedicato al Generale, da parte del comandante generale dell'Arma dei Carabinieri e dei bambini dei quartieri "disagiati" di Palermo. Nella Caserma generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, cerimonia d'inaugurazione, di un altorilievo celebrati dedicato al generale ucciso dalla mafia.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali