FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli, "Ecco i nomi dei bulli": ragazzi di Scampia aiutano a sgominare due baby gang

Hanno riconosciuto in due video sui social gli autori di alcuni episodi di bullismo che si erano verificati nella zona

Napoli, "Ecco i nomi dei bulli": ragazzi di Scampia aiutano a sgominare due baby gang

Ci sono parole, nomi, luoghi che per abitudine si tende a etichettare e ad associare a vicende negative: uno di questi è sicuramente "Scampia", un quartiere che sale spesso agli onori della cronaca nera. Negli ultimi tempi però sono aumentati gli episodi positivi che stanno aiutando a far conoscere un volto per molti inedito di uno dei quartieri più celebri di Napoli. Si tratta di un volto coraggioso, silenzioso, sicuramente più pulito. L'ultimo episodio vede protagonisti un gruppo di ragazzi che riconoscono in due video su Facebook gli autori di alcuni episodi di bullismo che si erano verificati nella zona e decidono di segnalare i loro nomi alle autorità, aiutando così a sgominare due baby gang.

Si tratta di un esempio in cui sono i giovanissimi a scardinare i meccanismi consolidati col tempo. I video, che ritraevano due diverse gang in azione, erano diventati virali e mentre gli adulti si limitavano a commentare amareggiati, i ragazzi hanno deciso di agire sostituendo il coraggio all'omertà. 

E' così che hanno segnalato i nomi degli autori degli episodi di bullismo al consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli, lo stesso che aveva denunciato la situazione su Facebook. I membri delle gang sarebbero giovanissimi, tra loro un solo maggiorenne, tutti residenti tra Scampia e Secondigliano. Ora carabinieri e polizia stanno indagando per verificare la reale corrispondenza tra nomi e autori delle violenze.

A rendere noto il gesto dei "bravi ragazzi" di Scampia è stato lo stesso Borrelli sulla sua pagina Facebook: "Grazie al contributo determinante di giovani di Secondigliano e Scampia che stanno collaborando alla identificazione della babygang della Metropolitana, siamo convinti che riusciremo a risalire ai responsabili dell’aggressione e dei vandalismi di cui si sono resi protagonisti i baby delinquenti alcuni giorni fa postando poi la bravata sui social in segno di sfida". Il consigliere ha postato, insieme alle parole, la foto, diventata virale, di un ragazzo sempre del quartiere napoletano che per fuggire alla delinquenza si è trovato un lavoretto e vende pomodori per strada.

Il video a cui Borrelli fa riferimento vede in azione una gang che ha preso di mira alcuni passeggeri in una metropolitana tra cui una persona anziana. Nel filmato si vedono i ragazzi ballare, correre, arrampicarsi lungo tutto il vagone fino a costringere un uomo a scendere per poi cominciare a lanciarsi addosso a una donna di origini straniere.

Ma ci sarebbe anche un secondo video che vede in azione un'altra gang a Fuorigrotta, in questo caso i giovani sollevano un uomo anziano e lo gettano in un cassonetto. Uno degli autori del gesto sarebbe stato identificato sempre grazie ai ragazzi di Scampia che stanno collaborando con le indagini. Ora sta agli inquirenti stabilire se quelli segnalati sono realmente gli autori degli episodi di bullismo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali