FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli, 15enne vittima di bullismo confessa di volersi uccidere: salvato dall'amica conosciuta su Instagram

Il ragazzino non era riuscito a raccontare le violenze subite agli amici di scuola o ai genitori: si era aperto soltanto con una adolescente di Taranto, conosciuta sui social, che ha immediatamente avvisato la polizia

instagram generica smartphone
getty

Mesi passati tra violenze psicologiche e fisiche difficili da sopportare. La sofferenza che porta alla solitudine, tanto da non riuscire a raccontare le prepotenze dei bulli né agli amici né ai professori né ai genitori. Un isolamento che si rompe soltanto grazie ai social. Il protagonista della vicenda, un ragazzino di 15 anni di Napoli, è infatti riuscito a raccontare i soprusi subiti e la volontà di farla finita a una coetanea di Taranto, conosciuta su Instagram. Una confessione che ha messo in allarme la giovane, che ha immediatamente avvisato la polizia permettendo che la vicenda si concludesse con un lieto fine. 

Amicizia social - Il rapporto tra i due adolescenti si è fatto via via più stretto attraverso i messaggi in chat: il giovane si sfogava raccontando tutti i soprusi che era costretto a sopportare e che teneva segreti. Fino alla confessione di voler compiere il gesto estremo.

 

L'intervento della polizia - A quel punto la ragazza ha deciso di chiamare il 113 per evitare il peggio. Gli agenti le hanno creduto e grazie a una serie di ricerche incrociate sono riusciti a trovare il numero di telefono del padre del ragazzo, che si è subito precipitato a casa. Dopo l'intervento del genitore il giovane ha trovato il coraggio di raccontare gli atti di cui è stato vittima.

 

Il messaggio - La storia è stata raccontata sui suoi profili social dalla questura di Taranto, che ha ricordato che "la polizia di Stato e le forze dell’ordine in generale sono sempre pronte ad ascoltare il 'grido d’allarme' di chiunque sia vittima di un sopruso o di una violenza". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali