FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mirandola, incendiata la sede della polizia municipale: due morti, un arresto

Quattro feriti gravi e 16 intossicati. In manette la persona che avrebbe appiccato lʼincendio: uno straniero giovanissimo. Salvini: "A casa sua a calci nel sedere". M5s: "Fallimento del ministro dellʼInterno"

Incendiata nella notte tra lunedì e martedì la sede della polizia municipale di Mirandola (Modena). Le fiamme si sono rapidamente sviluppate ed il fumo è salito verso gli appartamenti sovrastanti. Due persone sono morte, mentre almeno altre 4 sarebbero rimaste ferite in modo grave e sedici intossicate. I carabinieri hanno arrestato il responsabile del gesto, uno straniero di giovanissima età.

Le vittime sono un'anziana e la sua badante - Stando a quanto emerso, l'incendio sarebbe stato appiccato intorno alle 2 e avrebbe provocato un'esplosione che ha coinvolto un appartamento adiacente alla sede dei vigili, al primo piano, dove sono morte le due persone. Si tratta di un'anziana di 84 anni e della sua badante 74enne. Entrambe residenti in un appartamento vicino alla sede della municipale, sarebbero state uccise nel sonno dal fumo. L'anziana era allettata. In condizioni critiche il marito, sempre per via del fumo inalato.

Preso un uomo: non si esclude che abbia agito per vendetta - Il responsabile dell'incendio è uno straniero, forse originario del Marocco, ora nelle mani degli inquirenti. L'uomo avrebbe forzato l'ingresso della struttura e, dopo essersi impossessato di un giubbotto antiproiettile, di un telefono cellulare di servizio, di tre berretti di ordinanza e di qualche suppellettile, ha incendiato alcuni arredi. Fuggito, è stato individuato e bloccato dai militari a circa cento metri dal luogo dell'incendio.

Non è chiara la motivazione alla base del gesto, ma non si esclude la pista di una vendetta per un provvedimento della stessa municipale nei suoi confronti. Il ragazzo, che annovera numerosi precedenti e che, da ultimo, è stato colpito da ordine di espulsione, è stato arrestato con le accuse di furto aggravato, danneggiamento a seguito di incendio e morte come conseguenza di altro delitto.

Salvini: "Immigrato a casa a calci nel sedere" - "In Italia si arriva se si ha il permesso di arrivare. La cronaca di stanotte dice che un immigrato marocchino ha dato fuoco a un ufficio della polizia locale in provincia di Modena e ha ucciso due persone, una di settanta e una di novant'anni. Questo immigrato tornerà a casa sua a calci nel sedere, sul primo aereo". Così il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, commenta il rogo a Mirandola e l'arresto del giovane marocchino.

Fonti M5s: "Fallimento di Salvini" - Ma fonti del Movimento 5 stelle sottolineano: "Salvini dice che il caso Mirandola è il fallimento dei porti aperti, veramente è il fallimento suo, dei rimpatri. Quell'uomo aveva una notifica di espulsione e Salvini non ne sapeva nulla. Assurdo che il ministro dell'Interno non abbia contessa del proprio territorio, ma da quello che vediamo ha una buona contessa dei comizi".

Mirandola, incendio nella sede della polizia locale: due morti

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali