FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, nel 2017 -43% di domande di asilo in Ue

Con oltre 100mila richieste, i siriani doppiano Iraq, Afghanistan e Nigeria. I cittadini di questi primi quattro Paesi costituiscono da soli un terzo dei richiedenti asilo in Europa.

Nel 2017 le domande di asilo in Europa sono state 706.913, il 43% in meno dell'anno precedente. Questi dati dell'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (Easo) fotografano un calo di arrivi per il secondo anno consecutivo. Con oltre 100mila richieste, i siriani doppiano Iraq, Afghanistan e Nigeria. I cittadini di questi primi quattro Paesi costituiscono da soli un terzo dei richiedenti asilo in Europa.

Immigrazione, i dati di gennaio: sbarchi e vittime nel Mediterraneo

I dati - Per il quinto anno consecutivo i cittadini siriani sono i più numerosi e, con le loro quasi 100mila richieste di asilo, doppiano gli altri Paesi. Iraq, Afghanistan e Nigeria sono le Nazioni che seguono con più di 40mila richieste a testa. I cittadini di questi primi quattro Paesi costituiscono da soli un terzo dei richiedenti asilo in Europa. Seguono Pakistan, Eritrea, Albania, Bangladesh, Guinea e Iran. A fine 2017 rimangono quasi 500mila richieste in attesa di risposta.

Le parole del commissario - Il commissario per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza Dimitris Avramopoulos ha dichiarato: "Il calo significativo delle domande di asilo nel 2017 riflette il calo generale del numero di arrivi nell'Ue. Incominciamo a vedere i frutti dello sforzo collettivo compiuto dall'Unione europea in questi anni per gestire meglio la migrazione e proteggere le nostre frontiere. L'Ue resterà il continente della solidarietà, dell'apertura e della tolleranza, ma dobbiamo rendere le cose più fattibili e dobbiamo farlo insieme. I dati di oggi dimostrano che siamo sulla buona strada".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali