FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, guerra di cifre sugli irregolari: 200mila ufficiali, ma alcuni studi ne contano quasi 500mila

I dati dicono che i centri di accoglienza ospitano 187mila persone. Difficili i rimpatri: senza documenti e certezza sulle loro origini, è praticamente impossibile rimandarli indietro

Migranti, guerra di cifre sugli irregolari: 200mila ufficiali, ma alcuni studi ne contano quasi 500mila

Gli stranieri residenti in Italia con un regolare permesso di soggiorno sono cinque milioni. Ma quanti sono quelli che invece non sono in regola? A poco meno di un mese dalle elezioni, è scattata la guerra di cifre, che sono decisamente "ballerine".

Il Viminale parla di 200mila persone, ma gli studi più recenti di fondazioni e centri specializzati, scrive il "Messaggero", di irregolari ne contano 491mila: la fonte è Ismu (Iniziative e studi sulla multietnicità). Il che significherebbe che siamo all'8,2% della popolazione.

Nel 2016, secondo la stessa fonte i migranti non in regola risultavano in aumento a 435mila, ma in calo rispetto a 10 anni fa (-25% contro i 724mila del 2008). Sempre in quel periodo, secondo le stime del Sole 24 Ore quell'anno erano 650mila.

Insomma, quanti sono oggi gli immigrati irregolari? Una domanda a cui rispondono solo stime più o meno plausibili. E una questione che rimane particolarmente spinosa da anni. Già nel 1990 ci fu la grande fuga dall'Albania, con migliaia di disperati che arrivarono sulle nostre coste. E poi ci fu il 2011, con la Primavera araba. Fino ad allora gli sbarchi sui nostri territori erano rimasti molto più contenuti.

D'altra parte, paradossalmente, fu proprio il governo Berlusconi a dare una forte spinta, nel 2002, all'immigrazione. La Bossi-Fini, fissando flussi di ingresso per i lavoratori stranieri, portò alla sanatoria dei clandestini arrivati fino a quel momento: furono 697mila le domande presentate, 623mila delle quali furono accolte (oltre 300mila per colf e badanti). Una manovra che provocò un balzo nella presenza degli immigrati, quelli regolari: l'Istat nel 2002 contava 1.341.209 stranieri, due anni dopo ne conta 1.854.748. E oggi siamo arrivati a 5 milioni. Tra loro, sono i romeni la comunità più numerosa: in Italia se ne contano 1.169mila.

Va precisato che l'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale, fa sapere che tra il 2010 e il 2016 il numero degli stranieri che hanno lasciato l'Italia è più che raddoppiato, e oggi sfiora i 150mila. Se negli ultimi tempi gli accordi con la Libia hanno frenato il flusso degli arrivi (-34% nel secondo semestre 2017), la difficile situazione politica del Paese nordafricano continua a dare poche garanzie. Oggi nei centri di accoglienza si contano 187mila migranti. E i rimpatri appaiono sempre più difficili. I profughi sono quasi sempre senza documenti e rimpatriarli, senza certezze sulla loro origine, è praticamente impossibile. Il nodo quindi è delicato e molto, molto complicato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali