FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Spari contro migranti a Macerata, fermato un estremista di destra

Luca Traini, 28 anni, è stato bloccato dalle forze dellʼordine dopo un inseguimento in auto. Nellʼattacco sei persone sono rimaste ferite: due in maniera più grave. Per ora è accusato di tentato omicidio

Raid razzista a Macerata dove un 28enne, Luca Traini, simpatizzante di estrema destra ed ex candidato nelle liste della Lega Nord come consigliere comunale per le amministrative 2017 a Corridonia, ha estratto la sua pistola semiautomatica, detenuta legalmente, e ha sparato da un'auto contro sei persone di colore. La sua folle corsa è stata infine fermata dalle forze dell'ordine fino a piazza Vittoria, via di accesso al centro della città.

Il saluto fascista - Giunta in piazza della Vittoria la vettura è andata contromano verso il marciapiede del Monumento ai Caduti, un colonnato di mattoni e pietra bianca con un'edicola la centro, in stile littorio. Il 28enne è sceso dalla macchina e si è avviato verso i gradini del monumento, sfilandosi la felpa. Ha spiegato una grande bandiera tricolore con cui si è avvolto le spalle, poi a metà gradinata si è girato verso la piazza e ha fatto con grande enfasi il saluto fascista.

Luca Traini durante l'arresto: "Ho fatto quello che dovevo" - In pochi secondi è stato circondato dai carabinieri con i giubbotti antiproiettile e tutti gli altri dispositivi di protezione. Traini non ha opposto resistenza, si è consegnato ai militari ed è stato portato in caserma, ancora avvolto nella bandiera mentre ha affermato "l'Italia agli italiani" e "ho fatto quello che dovevo". Nell'auto abbandonata con lo sportello aperto gli investigatori hanno trovato la pistola, una tuta mimetica, delle piume bianche, bottiglie d'acqua e appunti scritti a penna. Forse lì si troverà qualche spiegazione di quella che sembra una vera e propria missione punitiva anti migranti, che per un puro caso non ha avuto conseguenze più drammatiche.

I feriti - Nella sparatoria sono rimasti feriti cinque uomini e una donna, tutti originari di Paesi dell'Africa subsahariana e di età compresa tra i 21 e i 33 anni. Quattro di loro, tra cui la donna, sono giò stati dimessi. Le altre due vittime sono in condizioni più gravi: uno si trova in ortopedia con una ferita a una gamba, il secondo ha una ferita da arma da fuoco a un braccio ed è stato trasferito all'ospedale di Ancona.

Le ipotesi di un attacco per vendicare Pamela - Dopo l'attacco era stato ipotizzato che il 28enne avesse potuto agire per vendicare la "fidanzata" Pamela Mastropietro. Le tappe della sparatoria infatti hanno riguardato tutte zone dello spaccio e secondo alcune indiscrezioni la tappa finale sarebbe stata Pollenza, proprio dove gli investigatori hanno ritrovato il cadavere della giovane. Colpita anche una sede del Pd.

La famiglia di Pamela: "Non si conoscevano" - Ipotesi che però è stata immediatamente smentita dalla famiglia della giovane uccisa e fatta e pezzi. A parlare è stato l'avvocato, nonché fratello della mamma della vittima. Marco Valerio Verni ha ribadito che i due non erano fidanzati, prima di fare un appello contro ogni tipo di violenza: l'unica via per avere giustizia sono le aule dei tribunali.

Macerata, la mappa del raid

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali