FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Grande incendio divampa nel porto di Ancona | Fumo e odore acre nell'aria: scuole e parchi chiusi

Sul luogo sono intervenuti anche mezzi della Protezione civile della Regione Marche e del Comune che ha invitato i cittadini "a limitare gli spostamenti non necessari". Nessun ferito ma timore per la qualità dellʼaria

Un vasto incendio è divampato da un capannone, per cause in corso di accertamento, nella zona portuale di Ancona. Sul posto sono intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco di Ancona, Macerata e Pesaro con autobotti e autoscale. Si sono sentiti anche dei boati, ma non ci sono vittime né feriti. Dal rogo, che si è sviluppato nell'area ex Tubimar, si è levata una densa colonna di fumo. Il Comune: "Tenete le finestre chiuse e limitate gli spostamenti".

 

"Poteva andare peggio, poteva andare come a Beirut". Sono ancora spaventati, ma anche sollevati alcuni residenti della strada che si affaccia sul porto dove la scorsa notte è scoppiato un vasto incendio nell'area ex Tubimar. Prima una vampata, che si è allargata rapidamente, poi boati e una colonna di fumo nero che si è diffuso nel centro della città, dove è rimasto per ore.

 

E' stata una notte di terrore, illuminata a giorno dalle fiamme. "Ho detto, prende fuoco tutto" racconta una donna. Eppure poteva andare peggio: non ci sono vittime, né feriti o intossicati. Le fiamme, di cui non si conosce ancora l'origine, si sono propagate su una superficie di circa 4 ettari, su un'estensione complessiva 6 ettari dell'area, di proprietà del Demanio Marittimo dello Stato e gestita dall'Autorità di sistema portuale: 11 i concessionari operativi nella struttura, con depositi per attività logistiche, depositi per la cantieristica navale e un deposito per mezzi di sollevamento e piattaforme mobili. Il fuoco ha aggredito delle balle di poliuretano espanso e, soprattutto, è arrivato vicino a un impianto di metano, una centrale elettrica e un deposito di bombole di ossigeno liquido. Se fosse arrivato lì, si sarebbe potuto innescare un pericoloso effetto domino.

 

 

Per spegnere le fiamme ci vorranno giorni. Ingenti i danni economici e ancora da valutare le ricadute ambientali, di cui si stanno occupando Arpam e Asur, ma che potrebbero esser meno severe di quanto si temesse. il sindaca Valeria Mancinelli che in mattinata aveva disposto la chiusura di scuole, università, parchi e impianti sportivi a scopo precauzionale, l'ha prolungata a giovedì, raccomandando ai cittadini di muoversi solo per esigenze improcrastinabili.

 

Ancona, maxi rogo divampa nel porto della città

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali