FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ancona, l'ultimo saluto al piccolo Mattia | Il parroco: "Ora insegnaci a vivere con amore"

Il feretro del bambino di 8 anni, ucciso dalla piena del Nevola la sera del 15 settembre a Castelleone di Suasa nell'Anconetano, è stato accolto nel silenzio, tra le lacrime e la commozione dei presenti

Ansa

Un gruppo di bambini con una rosa bianca in mano, per dare un ultimo saluto al loro compagno di giochi e amico, il piccolo Mattia, 8 anni, inghiottito e ucciso dalla piena del fiume Nevola, la sera del 15 settembre a Castelleone di Suasa, in provincia di Ancona.

È così che è stato accolto il feretro bianco del piccolo, ricoperto da corone di fiori e accompagnato da un silenzio rispettoso, nella chiesa di Santa Maria Assunta di Barbara, gremita di gente.

Maltempo Marche, a Barbara i funerali del piccolo Mattia Luconi

I bambini con una rosa bianca in mano per dare l'ultimo saluto a Mattia, 8 anni, travolto e ucciso dalla piena del Nevola la sera del 15 settembre a Castelleone di Suasa, in provincia di Ancona. È arrivato nella Chiesa di Santa Maria Assunta di Barbara, il feretro bianco del bambino, coperto di corone di fiori bianchi, che sono state deposte in quantità anche davanti all'altare della chiesa gremita di gente. L'arrivo del feretro è stato accolto da un silenzio irreale, tra le lacrime discrete dei presenti. Tutti i famigliari - tra cui il padre Tiziano, la madre Silvia - hanno accompagnato la bara dentro la chiesa. Ad attenderla anche i sindaci di Barbara, San Lorenzo in Campo e Castelleone di Suasa, con i gonfaloni di Barbara e San Lorenzo retti dagli agenti della polizia locale e i vigili del fuoco in 'picchetto' davanti all'ingresso della chiesa, 27 settembre 2022. 

Leggi Tutto Leggi Meno

 

Il bimbo era stato trascinato via dall'acqua che lo aveva strappato alle braccia della mamma. Il suo corpo è stato trovato dopo otto giorni di ricerche, a oltre 12 km di distanza dal luogo dove sua madre l'ha visto per l'ultima volta. Nel giorno dell'addio, dichiarato giorno di lutto cittadino, erano presenti i sindaci di Barbara, San Lorenzo in Campo e Castelleone di Suasa, con i gonfaloni comunali retti dagli agenti della polizia locale, mentre i vigili del fuoco hanno formato un 'picchetto' davanti all'ingresso della chiesa. 

 

Il messaggio del parroco - "Mattia insegnaci a vivere con gioia, accoglienza, stupore e amore", queste le parole che don Paolo Montesi durante i funerali ha dedicato a Mattia. Don Paolo ha ripercorso ricordi del bambino sereno e felice in paese, come esempio di vita. "Mattia insegnaci a vivere la gioia che tu vivevi quando papà ti portava in Lambretta in paese e sentivi la brezza che accarezzava le guance. - ha ricordato - Aiutaci a vivere l'accoglienza, come quando ti fermavi con lo scooter e papà ti diceva di salutare, e tu facevi ciao con la manina a tutti".

 

Il sindaco "Il tuo ultimo scherzetto, nostro angelo custode" - "Mattia è il tuo ultimo scherzetto, ti sei nascosto da babbo e mamma, da tutti, dal paese... ma è solo un arrivederci". Con la voce rotta dal pianto, nella chiesa di Santa Maria Assunta, anche il sindaco di Barbara Riccardo Pasqualini ha parlato di Mattia.

 

La maestra: "Sarai nei cuori di chi ha avuto la fortuna di conoscerti" - Mattia mancherà soprattutto ai suoi compagni di scuola, agli insegnanti e al personale della scuola elementare di San Lorenzo in Campo, nel Pesarese. "Manchi cucciolino come ti chiamavo io - ha ricordato tra la commozione generale la maestra -, sarai sempre nei nostri cuori, e in quelli di chi ha avuto la fortuna di conoscerti".

 

 

 

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali