l'emergenza prosegue

Maltempo, Emilia Romagna: il bilancio delle vittime sale a 13 | Lavezzola, canale di bonifica del Reno rompe l'argine | Musumeci: "Cambiamento climatico porterà a sciagure analoghe"

In 27mila persone senza elettricità. Livello dei fiumi sopra la soglia d'emergenza, previste nuove piene. Papa: vicinanza e preghiera per le vittime

19 Mag 2023 - 00:51
LIVE
Ultimo aggiornamento: un anno fa

Non si arresta l'ondata di maltempo e il bilancio dei morti in Emilia Romagna sale a tredici. Altri tre morti sono stati individuati nel Ravennate, dove si conta anche un disperso. L'allerta rossa continua a essere in vigore nella Regione, dove sono 27mila le persone senza elettricità. Un canale di bonifica del Reno rompe l'argine: allerta a Lavezzola. Il presidente della Regione, Stefano Bonaccini: "Danni per qualche miliardo di euro, come un altro terremoto". Papa Francesco ha espresso la sua vicinanza per le vittime del maltempo. Il ministro dell'Ambiente Pichetto: "Chiederemo il fondo di solidarietà Ue". Mentre per il ministro per la Protezione civile Nello Musumeci, intervenuto a Dritto e rovescio su Rete4, "non sarà purtroppo l'ultima volta che vedremo sciagure analoghe. Con il cambiamento climatico saremo costretti a convivere con questi scenari". 


È stata riaperta la A14 nel tratto Forli'-Cesena alle ore 06,30 ed è percorribile grazie ad uno scambio di carreggiata con una corsia per senso di marcia. È quanto si legge nell'aggiornamento sulla viabilità della polizia che invita a consultare il sito di Austostrade per l'Italia per tenersi in aggiornamento. Si registrano 5 km di coda in direzione sud e 1 km direzione nord nei punti di restringimento delle due carreggiate.


Nuovo allarme a Lavezzola. L'Amministrazione ha diramato l'allerta: "Causa rottura del destra Reno in località Nerina i cittadini devono recarsi ai piani superiori con cibo, acqua e se possibile il cellulare con carica batteria. Chi non ha possibilità di salire ai piani alti deve evacuare l'abitazione. Per emergenze chiamare il 115". Va specificato che la località Nerina non si trova nelle vicinanze di Lavezzola, ma comunque gli effetti della rottura dell’argine hanno fatto propendere l’amministrazione per la misura di sicurezza.


Frana una sita ciclabile, a causa delle piogge intense di questi giorni, e un bambino che stava giocando con i compagni scivola nel fiume Esino. E' successo nell'area di Minonna a Jesi (Ancona). Lo ha soccorso una donna che stava passeggiando lungo la riva con il cane: gli ha teso il guinzaglio e il ragazzino è riuscito ad aggrapparsi fino all'arrivo delle pattuglie dei vigili del fuoco. Sta bene, solo un grande spavento.


"Non sarà purtroppo l'ultima volta che vedremo sciagure analoghe. Con il cambiamento climatico, la tropicalizzazione arrivata anche in Italia, saremo costretti a convivere con questi scenari. E' un fatto frequente. La verità è che finita la sciagura, dimentichiamo tutto quello che abbiamo visto, piangiamo i morti ma noi italiani abbiamo una debole memoria. Se non cambiamo le norme continueremo a ripetere il calvario che abbiamo conosciuto". Lo ha detto il ministro per la Protezione civile e per le politiche del mare, Nello Musumeci, a 'Dritto e rovescio' su Rete4.


E' ripresa la circolazione fra Bologna e Imola per il trasporto regionale, da domani sara' riattivata anche la circolazione tra Imola e Faenza. Resta sospesa sulla direttrice Adriatica tra Faenza e Rimini e sulle linee Bologna-Ravenna, Ferrara-Ravenna-Rimini, Faenza-Ravenna, Faenza-Marradi.


Per rispondere alle domande dei cittadini, la Regione Emilia Romagna attiva da venerdì 19 maggio il numero verde 800 024 662, che risponderà sette giorni su sette, dalle 8 alle 20, sull'emergenza alluvione. E' un sistema informativo, spiegano alla Regione, che cercherà di indirizzare gli utenti ai giusti referenti. 


Sono oltre 1.550 gli interventi dei vigili del fuoco effettuati da martedì ad oggi nelle zone dell'Emilia-Romagna travolte dall'ondata di maltempo. Lo rende noto il Viminale in una nota, spiegando che al momento sono in corso 250 interventi, mentre altri 1.743 sono in coda.


Sale a 13 il bilancio delle vittime del maltempo in Emilia-Romagna. La prefettura di Ravenna ha comunicato cinque vittime, che si aggiungono alle sei di quelle di ieri della provincia di Forlì-Cesena e alla vittima di San Lazzaro (Bologna). L'auto sommersa dalle acque tra Castel Bolognese e Solarolo segnalata nelle prime ore dell'alluvione e raggiunta in mattinata, è risultata essere vuota: la persona che era al suo interno, conteggiata ieri dalle autorità fra le vittime, è riuscita ad allontanarsi in tempo. A loro si aggiunge l'uomo morto a Cesena per un malore prima dell'esondazione del Savio. Al momento risulta anche almeno un disperso.


Due agricoltori, marito e moglie di 73 e 71 anni, sono stati trovati morti nel loro appartamento di Russi, comune del Ravennate, nelle scorse ore invaso dall'acqua a causa dell'alluvione. A lanciare l'allarme già ieri sui social era stato il figlio che non riusciva più a contattare i due. Tra le ipotesi, si pensa che fossero tornati in casa forse per recuperare un elettrodomestico. Al vaglio le cause esatte del decesso. Non si esclude neppure una morte per folgorazione. Sale a undici il bilancio delle vittime.


Sono oltre 280 le frane provocate dal maltempo in Emilia-Romagna, di cui 120 particolarmente importanti in 58 comuni: oltre 100 in provincia di Forlì Cesena, e in particolare ben 71 a Modigliana, sull'Appennino. Lo spiega la Regione. Sono invece oltre 50 gli allagamenti registrati in 42 Comuni dell'Emilia-Romagna: 15 nel Bolognese, 13 nel Ravennate, 12 nel Forlivese-cesenate, 2 nel Riminese. Salgono a 34mila le utenze al momento disalimentate dalla rete elettrica tra le province di Forlì-Cesena e Ravenna.



Il governo porrà all'attenzione della Commissione Ue la questione di attivare il fondo di solidarietà europeo. Lo ha detto il ministro dell'Ambiente Gilberto Pichetto, a Bologna per fare il punto con il presidente Stefano Bonaccini. Il ministro manifesta il "più assoluto impegno nello stare al fianco" dei territori colpiti "e cercare le soluzioni più compatibili per un evento che ha qualcosa di tragico ed eccezionale. La domanda, chiarisce, "non è quanto si stanzia, ma cosa bisogna fare. Bisogna porre l'attenzione sulle procedure e sui tempi decisionali". Pichetto ha inoltre ribadito che "si tratta di una questione nazionale: serve lavoro di squadra". 


Papa Francesco ha espresso in un telegramma vicinanza e preghiera per le vittime dei nubifragi che stanno devastando l'Emilia-Romagna e ringraziato i soccorritori. "Informato del violento nubifragio abbattutosi sull'Emilia-Romagna - si legge in un telegramma inviato dal Sostituto per gli Affari generali monsignore Edgar Pena Parra al cardinal Matteo Maria Zuppi -, il Santo Padre incarica vostra eminenza di volersi rendere interprete presso congiunti e amici delle vittime dei suoi sentimenti di viva partecipazione per il disastro che ha colpito il territorio. Mentre assicura preghiere di suffragio per i defunti esprimendo cordoglio ai familiari, il sommo pontefice invoca da Dio conforto per i feriti e consolazione per quanti soffrono conseguenze per la grave calamità". 


Sono 27mila le persone senza energia elettrica in Emilia-Romagna. Lo riferisce Enel, spiegando che prosegue l'impegno della task force di 700 tecnici messa in campo da E-Distribuzione, tra personale interno e quello di imprese terze, per fronteggiare le conseguenze dell'ondata di maltempo sulle province di Forlì-Cesena, Ravenna e Bologna. In campo 4 elicotteri, mentre sono già stati mobilitati 170 gruppi elettrogeni e quattro power station per fornire alimentazione di emergenza non appena le condizioni meteorologiche consentiranno il deflusso delle acque. 


Sui social sta montando la polemica sull'opportunità che stasera si tenga regolarmente il concerto di Bruce Springsteen a Ferrara, nonostante la drammatica ondata di maltempo che ha investito l'Emilia Romagna causando vittime e danni. Gli organizzatori al momento hanno confermato il live del Boss, al quale sono attese 50mila persone, anche perché la città non si trova in zona di allerta rossa, ma in tanti, anche fan, chiedono che venga annullato.
 


"Siamo un'azienda agricola di Lugo, in zona Zagonara. Abbiamo circa tremila maiali, dai cuccioli agli adulti di 160 chili. Abbiamo un metro d'acqua all'interno delle nostre stalle adesso e sta salendo. Le strade di comunicazione sono sott'acqua. Avremmo bisogno di un allevamento d'appoggio per spostare almeno i piccoli e cercare di salvarli". È questo l'appello di Davide Bacchiega, direttore dell'azienda agricola Benfenati di Lugo, in Romagna, colpita dall'alluvione. "Abbiamo ancora qualche ora di autonomia e un po' di energia elettrica, dopodiche' saremo sott'acqua", aggiunge. La richiesta dell'allevatore è di "trovare un allevamento asciutto dove ricoverare temporaneamente i miei animali. Con dei mezzi o a piedi, perche' la strada ormai e' coperta dall'acqua, potremmo cercare di salvarli".


"Benvenuta in Giappone, sono molto lieto di poterti accogliere nella mia città. Esprimo le mie condoglianze per le vittime del maltempo in Emilia Romagna". Così il primo ministro del Giappone Fumio Kishida in apertura dell'incontro bilaterale con la presidente del Consiglio Giorgia Meloni a Hiroshima.


Sono finite sott'acqua oltre cinquemila aziende agricole con serre, vivai e stalle dove si contano animali affogati e decine di migliaia di ettari allagati di vigne, kiwi, susine, pere, mele, ortaggi e cereali e strutture di lavorazione dei prodotti agricoli. È quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti sugli effetti dell'alluvione in Romagna dove si registrano dispersi e vittime anche tra gli agricoltori, per le quali si esprime "un profondo cordoglio".


"La portata della devastazione del maltempo è quella di un altro terremoto: saranno danni quantitativamente minori, ma saranno di qualche miliardo di euro. Come per il terremoto ricostruiremo tutto: al governo abbiamo detto che abbiamo bisogno di tante risorse, ma anche di norme speditive, c'è bisogno di un commissario straordinario, adempimenti per i lavoratori, per prorogare scadenze, mutui rate, tanti investimenti. Purtroppo abbiamo una grande esperienza in materia. Le istituzioni devono avere l'ossessione di stare vicine alle persone". Lo ha detto, ospite su Rai3, il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini.


Il centro storico di Lugo, nel Ravennate, è allagato: alcune strade sono già sotto un metro d'acqua e gli allagamenti hanno raggiunto la Rocca estense che sorge nel centro cittadino. 


Al Consiglio dei ministri di martedì 23 maggio "verrà deliberato lo stato di calamità" per le zone colpite dall'alluvione in Emilia Romagna e "si risponderà ai primi interventi. È già stato annunciato il blocco dei mutui e delle riscossioni tributarie". Lo ha detto il ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto.


Autostrade per l'Italia segnala 14 chilometri di coda sulla A1 Milano - Napoli, nel tratto compreso tra Sasso Marconi nord e il bivio con la A1 Direttissima in direzione Firenze, "a causa di un importante smottamento, costantemente monitorato e attenzionato, dovuto alle forti piogge registrate nelle ultime ore".


Sulla A14 è stato riaperto il tratto compreso tra Rimini Nord e Cesena Nord in direzione Bologna e il tratto compreso tra Forlì e Cesena Nord in direzione Ancona. Lo comunica Autostrade per l'Italia. Restano invece chiusi al traffico i tratti autostradali della A14 Bologna-Taranto tra il bivio con la diramazione di Ravenna e Forlì in direzione Ancona, oltre a quello tra Cesena Nord e Faenza in direzione Bologna. Resta sulla A14, in direzione nord per i veicoli con massa complessiva superiore 7,5 tonnellate, l'uscita obbligatoria ad Ancona Nord, per poi proseguire lungo la strada statale 76 in direzione Fabriano/Perugia.


Il Comune di Ravenna ha emesso un ordine di evacuazione immediata a persone e aziende di Villanova di Ravenna, Filetto e Roncalceci, per rischio di allagamenti provocati dalla rottura del Lamone tra Reda e Fossolo. Il Comune di Ravenna segnala alle persone che non possono andare da amici e parenti l'area di accoglienza allestita al Cinema City al Museo Classis di Classe. "Si sta procedendo a inviare dei pullman nelle frazioni interessate. Passare parola. Limitare al massimo gli spostamenti", comunica l'amministrazione.


Nella notte nuovi allagamenti in Romagna, in particolare nella zona di Ravenna. La frattura fra Reda e Fossolo ha sovraccaricato il Canale emiliano-romagnolo e tutta la rete secondaria dei canali consortili, con l'acqua che ha invaso parti significative delle campagne: allagamenti a Russi, Godo, San Pancrazio e Villanova di Ravenna. Evacuazioni in corso ancora anche a Castel Bolognese, sempre provincia di Ravenna, dove si è registrato un problema di assenza di acqua potabile.

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri