FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Troppi accessi a Facebook dal posto di lavoro, Cassazione: giusto licenziarla

In tribunale il datore aveva portato come prova la cronologia del computer, dimostrando che nellʼarco di 18 mesi la donna aveva effettuato 6mila accessi a internet

Licenziata per i troppi accessi a Facebook durante l'orario di lavoro. E' successo a una donna del Bresciano, che lavorava come segretaria part time in uno studio medico. La Cassazione ha infatti reso definitivo il licenziamento disciplinare: il datore di lavoro aveva portato in tribunale come prova la cronologia del computer, dimostrando che nell'arco di 18 mesi la donna aveva effettuato 6mila accessi a internet, di cui 4.500 al social network.

I giudici avevano accettato la prova, nonostante la difesa della donna avesse lamentato l'insufficienza a dimostrare che fosse stata proprio lei ad accedere a Facebook.

Sul punto la Cassazione non è entrata nel merito, limitandosi a rilevare che la questione attiene al convincimento del giudice di merito, che ha motivato la decisione col fatto che "gli accessi alla pagina del social network personale richiedono una password, sicché non dovevano nutrirsi dubbi sulla riferibilità di essi alla ricorrente".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali