FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Picchiarono e sequestrarono coetaneo a Varese, 15enni condannati per tortura: è la prima volta in Italia

La sentenza è del Tribunale per i minorenni di Milano: 4 anni e 6 mesi sono stati inflitti al capo-banda e 4 anni agli altri tre componenti

Picchiarono e sequestrarono coetaneo a Varese, 15enni condannati per tortura: è la prima volta in Italia

Quattro 15enni sono stati condannati dal Tribunale per i minorenni di Milano per aver segregato e picchiato un coetaneo in un garage di Varese. Si tratta della prima sentenza di condanna in Italia per il reato di tortura. Quattro anni e sei mesi sono stati inflitti al capo-banda e quattro anni agli altri tre componenti della gang. L'obiettivo era ottenere informazioni su un amico della vittima che la banda voleva rintracciare.

La condanna più alta è stata inflitta dal giudice al minore ritenuto la "mente" del sequestro e del pestaggio del 15enne, legato e picchiato con un bastone di ferro in un un box di Varese. Era pronto a lasciare l'Italia con la madre prima di essere arrestato. L'accusa aveva chiesto condanne per un totale di 21 anni di carcere, sostenendo che tutti e quattro i giovani imputati non abbiano mostrato segni di ravvedimento ed empatia con la vittima. Le difese avevano chiesto per i giovanissimi la messa in prova a cui la Procura minorile si è opposta, posizione sposata anche dal giudice.

La legge che ha introdotto in Italia il reato di tortura risale a poco più di un anno fa e, come dichiarato dal procuratore del Tribunale per i minorenni di Milano Ciro Cascone, "la cronaca giudiziaria ha registrato finora due sue applicazioni", accomunate dal fatto di "essere intervenute nell'ambito di rapporti orizzontali" su soggetti non ancora maggiorenni. La prima, prosegue il procuratore, "è l'ordinanza del 23 novembre 2018 del Gip del Tribunale per i minorenni di Milano" che ha portato all'arresto dei quattro giovanissimi, "e per la quale oggi il Gup ha emesso sentenza di condanna".

La seconda, ha aggiunto Cascone, "riguarda i fatti avvenuti in provincia di Taranto", cioè i sei minorenni accusati, in concorso con altri due maggiorenni, "indiziati dei delitti di tortura aggravata, danneggiamento aggravato, violazione di domicilio e sequestro di persona", nei confronti di un uomo di 66 anni "individuato quale 'bersaglio' per le sue condizioni di minorata difesa, in quanto solo ed affetto da disturbi psichici", e poi poi deceduto in ospedale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali