FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, soldi nel controsoffitto: Fabrizio Corona condannato a un anno

Riconosciuto il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Il processo era sui 2,6 milioni di euro trovati nella casa della collaboratrice Francesca Persi e in cassette di sicurezza in Austria

Fabrizio Corona è stato condannato a un anno dal tribunale di Milano nel processo per i 2,6 milioni di euro in contanti trovati, in parte, in un controsoffitto e, in parte, in cassette di sicurezza in Austria. L'ex agente fotografico era stato nuovamente arrestato a ottobre mentre era in affidamento ai servizi sociali per scontare altre condanne già definitive. La corte ha anche condannato a tre mesi la collaboratrice di Corona, Francesca Persi.

Corona, esultanza e bacio alla fidanzata dopo la condanna a un anno

Corona esulta in aula - Alla lettura della sentenza Fabrizio Corona ha battuto i pugni sul tavolo dicendo "sì, giustizia è fatta" e si è rivolto al suo avvocato con un "sei un grande". Sono cadute infatti due imputazioni: l'intestazione fittizia dei beni in relazione ai soldi in contanti, e la violazione delle norme patrimoniali sulle misure di prevenzione.

La condanna - L'ex agente fotografico dei vip è stato condannato solo per il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Il collegio, presieduto da Guido Salvini, ha anche condannato a tre mesi la collaboratrice di Corona, Francesca Persi, con sospensione condizionale della pena. Nel controsoffitto dell'abitazione della donna è stata trovata una parte dei 2,6 milioni riconducibili a Corona.

Corona resta in carcere - Revocata la misura cautelare che aveva portato in carcere l'ex agente fotografico perché sono cadute due delle tre imputazioni tra cui quella di intestazione fittizia di beni che giustificava la misure cautelare. Corona, tuttavia, resta in carcere per scontare i circa 5 anni restanti di cumulo delle pene definitive, anche perché lo scorso novembre il tribunale di sorveglianza di Milano aveva revocato l'affidamento in prova ai servizi sociali. Gli avvocati difensori hanno già preannunciato che presenteranno un'istanza per la concessione dell'affidamento in prova che potrebbe far uscire dal carcere il loro assistito.

Soddisfatto l'avvocato - L'avvocato di Corona, Ivano Chiesa, analizza così la sentenza: "Fabrizio resta in carcere perché il Tribunale di sorveglianza ha revocato il suo affidamento, ma, essendo venuto meno il mandato di cattura, le cose cambiano di molto. Fabrizio riprenderà, quindi, il suo percorso. Sono felice - aggiunge il legale - continuo a ridere e sono anche un po' distrutto, perché Fabrizio, subito dopo la lettura della sentenza, mi ha riempito di botte. Avevo detto che il giudice Salvini era un fuoriclasse e così è stato".

La fidanzata: "La verità è venuta fuori" - "Spero esca presto dal carcere, oggi è finalmente uscita la verità". Così Silvia Provvedi, del duo musicale Le Donatelle, commenta la sentenza. Prima del verdetto da Corona era arrivata per lei una dichiarazione di amore. "In casi come questi molto delicati l'amore è importante e aiuta", sottolinea la giovane, presente a tutte le udienze del dibattimento. Felice anche la madre di Corona: "Grazie ai giudici, suo figlio ora lo aspetta".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali