FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, ragazzo trovato morto nel cuore della notte in una piscina comunale

Non si esclude che si possa trattare di una goliardata finita in tragedia

Un ragazzo di 28 anni, Marco Scarcella, è stato trovato morto nella piscina pubblica Sant'Abbondio, a sud di Milano. L'allarme è stato dato verso le 3:20 da una ragazza che era con la vittima. Tutte le ipotesi sono aperte, ma data l'assenza di tracce di violenza sul cadavere non si esclude che si possa essere trattato di una goliardata finita male: un bagno notturno tra amici, entrati furtivamente nella struttura, che si è trasformato in tragedia.

Il pm ha disposto l'autopsia sul corpo del 28enne, che è stato ritrovato in acqua, stando agli inquirenti, con indosso gli slip. L'allarme con una chiamata al 112 è stato dato dalla fidanzata della vittima verso le 3,20. 

Il racconto dell'amico - Secondo quanto raccontato da un amico, il 28enne e la sua ragazza avrebbero scavalcato la recinzione (cosa che, per altro, accade di frequente come dimostrano le segnalazopni dei vicini) per accedere alla piscina. Sempre stando al racconto del ragazzo, la coppia era uscita per andare fuori a cena e poi a bere qualcosa fino alla decisione di fare "un bagno romantico di notte".

Milano, ragazzo muore nella piscina SantʼAbbondio

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali