FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Insulta la polizia svizzera su Facebook, frontaliere italiano licenziato

"Vi giuro che quando vado in pensione vi ammazzo tutti sbirri svizzeri", la frase che ha suscitato un polverone diventato ora un caso politico

Insulta la polizia svizzera su Facebook, frontaliere italiano licenziato

Un post su Facebook condito da insulti per una multa, a sua dire, ingiusta, è costato caro a un frontaliere italiano con la Svizzera. L'uomo era stato portato in caserma, nel Canton Ticino, per un verbale. La cosa sembrava essere finita lì: invece è stato licenziato dall'azienda dove lavorava. "Vi giuro che quando vado in pensione vi ammazzo tutti sbirri svizzeri", la frase incriminata. La vicenda è diventata, però, un caso per i politici locali.

L'uomo, racconta il Corriere della Sera, multato per guida con il cellulare, si è difeso dicendo di aver poggiato il telefono solo per pochi secondi all'orecchio. Ma la polizia cantonale si è presentata a Stabio, nell'azienda nella quale lavorava l'italiano per valutare anche un segnalazione al ministero pubblico svizzero.

La ditta, dopo un'indagine interna, ha deciso di allontanare il proprio dipendente. "Simili comportamenti sono incompatibili con la cultura aziendale e con i valori su cui essa si fonda", si legge in un breve comunicato.

A detta degli italiani, però, questo caso non sarebbe altro che uno dei tanti dovuti al crescente clima ostile nei confronti dei nostri connazionali che lavorano in Svizzera.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali