FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Delitto Macchi, oggi la sentenza di secondo grado | Stefano Binda in aula: "Sono innocente"

Si potrebbe arrivare a un verdetto entro fine giornata. "Sono estraneo a tutta la vicenda", afferma lʼimputato davanti ai giudici. Il sostituto pg: "Confermare lʼergastolo"

Delitto Macchi, oggi la sentenza di secondo grado | Stefano Binda in aula: "Sono innocente"

E' il giorno della seconda udienza davanti alla Corte d'assise di appello di Milano sul caso di Lidia Macchi, uccisa a Cittiglio (Varese) nel 1987. "Non ho ucciso io Lidia Macchi, sono innocente, estraneo a tutta la vicenda", ha affermato Stefano Binda, imputato per il delitto, davanti ai giudici. Il sostituto pg Gemma Gualdi ha chiesto la conferma dell'ergastolo per omicidio volontario aggravato dalla violenza sessuale.

"In quel periodo ero a Pragelato (Torino) e non ho mai spedito la lettera" contenente la poesia "In morte di un'amica", spedita il giorno del funerale e considerata dall'accusa la prova regina contro Binda. Durante la requisitoria, il sostituto procuratore Gualdi ha dichiarato che "il poeta anonimo è certamente Stefano Binda. Ha scritto lui quella lettera perché ha vissuto i fatti descritti", ovvero l'assassinio di Lidia Macchi.

Qualche giorno fa la prima sezione penale della Cassazione aveva rigettato il ricorso presentato dai legali di Stefano Binda contro l'ordinanza del Tribunale del Riesame di Milano che ha confermato le esigenze cautelari per il 51enne.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali