FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Delitto Macchi, avvocato in aula: un mio cliente scrisse la lettera, non Binda | Ma la sua identità resta misteriosa

Lʼavvocato Piergiorgio Vittorini mette in dubbio la prova chiave dellʼaccusa contro Stefano Binda. Lʼautore della missiva non si presenta: non avrebbe alibi per la notte del delitto

Delitto Macchi, avvocato in aula: un mio cliente scrisse la lettera, non Binda | Ma la sua identità resta misteriosa

Il segreto mi sta "lacerando l'anima, ho una famiglia, dei figli. Ho scritto io la lettera inviata alla famiglia di Lidia Macchi". A parlare al processo d'Appello a Stefano Binda (accusato di omicidio) è l'avvocato Piergiorgio Vittorini che riporta quanto riferito da un cliente il quale dice di aver scritto la lettera (prova chiave per l'accusa) come forma di protesta e di non volersi mostrare perché non ha alibi per la notte del delitto avvenuto nel 1987.

Secondo gli inquirenti, quel testo inviato alla famiglia Macchi e intitolato "In morte di un'amica", fu scritto dallo stesso imputato, che era stato condannato in primo grado all'ergastolo per omicidio volontario aggravato dalla violenza sessuale.

Nella sua testimonianza questa mattina in aula, il penalista ha riferito che una persona si sarebbe presentata nel suo ufficio, alla fine del febbraio 2017, sostenendo di avere scritto la missiva come forma di "protesta" contro una morte ingiusta. "Non conoscevo Lidia Macchi, ma condividevamo lo stesso contesto di Comunione e Liberazione a Varese", avrebbe detto il cliente a Vittorini.

Cliente che sarebbe anche "una persona laureata, con un alto livello professionale". Secondo la testimonianza del penalista, il suo cliente gli avrebbe detto di non essersi mai presentato prima alla polizia perché non è in grado di fornire un'alibi per la sera del delitto. "In quel periodo ero a Milano - ha detto - ma non riesco proprio a ricordare dove fossi la sera del delitto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali