FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Delitto di Gorlago, Chiara voleva colpire una settimana prima e voleva salire nel furgone di Angelo con Stefania

Le rivelazioni sui piani della donna emergono dai messaggi vocali scambiati via WhatsApp con Angelo, il giovane che lʼha inconsapevolmente aiutata a realizzare lʼomicidio

Chiara Alessandri, la donna che ha confessato di aver ucciso la sua rivale in amore Stefania Crotti a Gorlago (Bergamo), voleva colpire una settimana prima. E' quanto risulta dai messaggi vocali scambiati tra la Alessandri e Angelo, il giovane che l'ha inconsapevolmente aiutata a realizzare il delitto. All'uomo Chiara aveva inoltre detto che voleva essere nel furgone con lui quando avrebbe "prelevato" Stefania per portarla da lei.

Un biglietto da stracciare - Inoltre Chiara avrebbe voluto che Angelo bendasse Stefania dopo averle consegnato il biglietto e la rosa rossa e avrebbe chiesto all'uomo di stracciare quel biglietto quando tutto era finito. E' quanto riferisce l'inviato di NewsMediaset Enrico Fedocci.

Festa a sorpresa con il marito - Risale al 4 gennaio il messaggio della donna al giovane, al quale fa credere di aver organizzato tutto insieme con il marito di lei. "Ciao, allora vorrei fare questa sorpresa ad un’amica - dice ad Angelo -. O meglio, è l’ex marito che ora vuole farle questa sorpresa, visto che ora – dopo una periodo di distacco – lei è tornata ad essere la sua compagna. Lui vorrebbe fare questa cosa e ha chiesto a me di aiutarlo. Lo avremmo fatto già la settimana scorsa se tu avessi potuto, ma tu non potevi".

"Mi fido solo di te" - Il messaggio continua così: "Io ho ancora un bel ricordo di te e mi fido solo di te. Così voglio che questa cosa la faccia tu. Inoltre, mi rivolgo a te perché sei bello, sai come comportarti, ispiri fiducia, ma soprattutto hai un furgone. Se non avessi il furgone non chiederei a te. Il furgone è fondamentale e ti spiego perché: la sorpresa sarà organizzata a casa mia. Ma lei non deve sapere che sarà portata a casa mia, altrimenti non verrebbe perché in passato abbiamo avuto incomprensioni. Quando arrivi le dovrai consegnare una rosa con un biglietto scritto dal marito. Devi dirle che questa cosa è organizzata dal marito che credo voglia chiederle di sposarlo di nuovo e di fare un viaggio di nozze. Poi devi farla bendare perché altrimenti capisce che la stai portando a casa mia".

L'ex amante a bordo del furgone? - Secondo il piano iniziale, la donna accusata del delitto avrebbe dovuto salire a bordo del Opel Divaro dell'uomo, cosa che poi non è avvenuta il giorno del delitto. Ecco che cosa diceva: "Lei salirà davanti, io starò dietro in modo che lei non mi veda e quando arriveremo lì, prima di incontrare il marito, scenderò dal furgone e troverà me e dovremo chiarirci io e lei prima di farle vedere il marito. A quel punto tu dovrai andartene. Se lei non si farà bendare annulliamo tutto perché lei non deve vedere che viene a casa mia".

"Tutto bene, grazie, ma strappa il biglietto" - C'è poi il messaggio inviato dalla donna ad Angelo il giorno del delitto, il 17 gennaio, alle 17:50: "Tutto a posto, più o meno abbiamo risolto. Adesso vediamo nei prossimi giorni. Ti è rimasta la rosa, giusto? Niente, butta via il bigliettino e regalala alla tua donna. E' andato tutto bene".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali