FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, operatori infettati chiedono i danni al Trivulzio: "La dottoressa ci disse di togliere le mascherine"

Un operatore e un ausiliario: "Era il 14 marzo, ci disse di non creare scompiglio tra i pazienti". E gli anziani pranzavano in una sala comune...

rsa ospizio pio albergo trivulzio

Mentre la procura di Milano indaga per capire cosa sia successo all'interno del Pio Albergo Trivulzio in relazione alla gestione dell'emergenza coronavirus, alla direzione della nota Rsa sono arrivate le prime due lettere di richiesta di risarcimento danni da parte dei lavoratori che si sono contagiati sul posto di lavoro: un operatore sociosanitario e un ausiliario socioassistenziale.

Nelle missive i dipendenti hanno fatto riferimento alla "mancata fornitura dei dispositivi di protezione individuali", ma anche all'ordine di "non indossare mascherine e redarguizione da parte del personale direttivo nel caso gli operatori sanitari indossassero in autonomia mascherine portate da casa".

 

Responsabile di tale circostanza, riporta Il Corriere della Sera, sarebbe stata la dottoressa V. che, il 14 marzo (quando in Lombardia si registrano già 5.630 ricoveri e quasi mille decessi per Covid-19), avrebbe imposto agli infermieri di togliere le mascherine per "non creare scompiglio tra degenti".

 

I due dipendenti infettati hanno parlato parlano ancora di "mancato isolamento degli ospiti con sintomatologia compatibile con il virus" e di assenza di "protocolli in riferimento ai degenti che presentavano patologie compatibili con i sintomi del virus".

 

Sempre secondo quanto riportato dal quotidiano, gli infermieri, in accordo coi medici del reparto, il 10 marzo avrebbero iniziato a fornire i pasti nelle stanze per evitare affollamenti nella sala comune. Ma, ancora una volta, la dottoressa V. avrebbe richiamato il personale e ripristinato il servizio nel salone almeno per il pranzo.

 

E poi ancora, continui spostamenti di pazienti e infermieri da un reparto all'altro e la mancanza di tamponi. Tutti fattori che avrebbero favorito la diffusione del contagio tra gli anziani pazienti e i dipendenti della struttura.

 

Coronavirus, senza mascherine e protezioni: dentisti francesi e medici tedeschi si spogliano per protesta

Non ci sono abbastanza mascherine, guanti e camici: i medici di base tedeschi e i dentisti francesi protestano per la mancanza di dispositivi di protezione. Lo fanno nello stesso modo, spogliandosi e postando le foto online. Attirando così l'attenzione dei media internazionali.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali