FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, a Bergamo utilizzati altri mezzi militari per trasportare altrove 70 bare

Tragedia senza fine nella città lombarda. Il sindaco Gori: "La lucina in fondo al tunnel ancora non si vede"

Bergamo, torna l'esercito per trasportare 70 salme dal cimitero in altre Regioni 

E' successo ancora. Altri mezzi dell'Esercito  - dopo quando già accaduto mercoledì - si sono recati al cimitero monumentale di Bergamo per portare via 70 feretri che giacevano nella camera mortuaria e nella chiesa. Il forno crematorio, infatti, non riesce più a far fronte a questo periodo di emergenza da coronavirus. Venerdì si sono registrati 88 morti nella Bergamasca.

A Bergamo, quindi, si è ripetuto lo strazio della partenza dei feretri trasportati a bordo di una lunga carovana di mezzi militari. E' la seconda volta in pochi giorni. Il 18 marzo scorso il primo, triste esodo di defunti bergamaschi verso altre città e altre regioni.

Una parte del convoglio militare partito da Bergamo arriverà a Ferrara: il triste carico, scortato dai carabinieri, è composto da  50 bare. I feretri verranno distribuiti tra la Certosa di Ferrara e il cimitero di Copparo per la cremazione. L'amara riflessione del sindaco Giorgio Gori: "Per Bergamo, la lucina in fondo al tunnel, per ora, non si vede".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali