FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Calcio, mamma grida "negro di m..." a un bimbo di 10 anni | Società: "Tutti con il volto dipinto di nero alla prossima gara"

La denuncia dei dirigenti di una squadra dei "pulcini" di Desio (Monza-Brianza) che in una lettera lancia lʼiniziativa e allerta i vertici della Sovicese: "Daspo alla donna o ci rifiuteremo di giocare in futuro"

bollate campo calcio

Nel giorno in cui esplode il caso Balotelli, con "Super-Mario" bersaglio in campo di cori razzisti da parte dei tifosi del Verona, un altro episodio clamoroso si verifica anche in una partita dei più piccoli.  L'accaduto è stato denunciato dalla Aurora Desio Calcio. Durante un match dei "pulcini" contro la Savicese, una ragazzino di appena 10 anni è stato insultato da una mamma che dagli spalti avrebbe gridato "negro di m...". La società ha diffuso un comunicato durissimo: "Per protesta, nel prossimo weekend alcune nostre squadre giocheranno con il volto dipinto di nero". La dirigenza ha poi chiesto ai vertici della squadra avversaria di eseguire "un Daspo temporaneo" nei confronti della donna.

 

"Oscar dell'inciviltà alla mamma" - "Razzismo nei confronti di un bambino di 10 anni in Brianza: noi non ci stiamo! Nel mirino: un bambino di 10 anni. Non è un incubo. E' realtà, tristissima. Andata in scena sabato pomeriggio in Brianza. Attrice protagonista, da 'oscar dell'inciviltà' una mamma. La partita è Aurora Desio – Sovicese, Pulcini 2009. Una normale partita di calcio giovanile, che dovrebbe essere solo momento di amicizia, condivisione, fair play, come l'Aurora ripete e promuove concretamente da anni, con una serie di iniziative: su tutte, le proprie maglie arancioblu da gioco, 300, con la scritta #SquadraAntiBulli sul petto", afferma l'Aurora Desio nel comunicato.

 

Daspo alla donna - La lettera è indirizzata anche alla Società Sovicese: “Certi che i vertici della Società condividano i valori di sportività e condannino ogni forma di razzismo – sottolinea l'Aurora Desio – ci aspettiamo che venga avviata una indagine interna per individuare chi si è resa autrice di questo gesto vile e indegno, nei confronti di un bambino. Finché non sarà individuata e finché non sarà adottato il Daspo temporaneo dai campi giovanili, ci rifiuteremo di incontrare la Sovicese in qualsiasi competizione ufficiale, anche a costo di rischiare multe e penalizzazioni”. Sabato scorso, dopo gli insulti, sugli spalti del campo sportivo brianzolo molti genitori si sono detti indignati per quanto è successo. Il bambino ha avuto la forza di continuare a giocare ma quando la partita è finita, quasi in lacrime ha raccontato tutta la sua angoscia. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali